Roma. Chi di morale ferisce di morale perisce, questo il detto che si appropria di più al caso di giornata: i deputati  del movimento 5 stelle di Grillo, i duri e puri della politica che si sollevano indignati contro gli incalliti protagonisti della casta, aggrappati, anzi incollati ai loro privilegi, al centro di una bufera per una presunta (?) parentopoli in cui vengono assegnati incarichi e stipendi da collaboratori a compagni, fidanzati e figli di essi. Il tutto proprio adesso che i maggiori sondaggisti davano di nuovo il Movimento al di sopra del 20%.

Ma andiamo nello specifico: Barbara Lezzi e Vilma Moronese finiscono agli onori delle cronache non per qualche illuminata iniziativa parlamentare ma bensì perchè in quanto la prima assume come collaboratore la figlia del compagno, la seconda invece non va tanto per il sottile e assume direttamente il fidanzato.

Pubblicità
Pubblicità

Ma non era stato firmato un codice etico stilato appositamente per la questione in oggetto, che vietata l'assunzione di parenti fino al quarto grado? Fatto sta che ai vecchi vizi della politica ancora rimedio efficace non è stato trovato, e il vaccino a cui i pentastellati sono stati sottoposti dal focoso leader sembra non garantire una efficiente immunità.

Quindi punto e a capo, il nuovo assume le terribili incaccellabili vesti del vecchio e la politica italiana continua il suo cammino verso un imputridimento etico e morale degno delle più olezzose paludi agropontine e maremmane di fine ottocento. Chissà se ci sarà bisogno di un nuovo Mussolini per provvedere alla bonifica? Ai posteri l'ardua sentenza.

Beppe Grillo intanto si infuria, grida, sbraita e avvalla la decisione di non divulgare via streaming la riunione che ha visto volare gli stracci in casa 5 stelle, con tanto di pianti, smentite e richieste di perdono.

Pubblicità

Ammissione di colpa per la senatrice Barbara Lezzi che licenzia immediatamente lo scomodo collaboratore, del resto, come qualcuno pignolamente osserva, essere fidanzato (o compagno che dir si voglia) non prefigura un legame di parentela. Senza dubbio, come senza dubbio appare la cavillosa ricerca di giustificazioni e scusanti da prima Repubblica, che ormai la travolgente onda moralizzatrice portata avanti proprio dai pentastellati non riesce più a concepire e sopportare.

A noi cittadini, elettori, pennivendoli e subalterni di ogni tipo non resta che osservare e metabolizzare (o per lo meno cercare di farlo), attoniti, stupiti e disgustati.  #spread #Sondaggi politici