I cittadini svizzeri sono chiamati alle urne questo fine settimana per esprimersi su tre temi molto importanti e su cui si é molto dibattuto: l'iniziativa popolare "1:12 - Per salari equi", l'iniziativa popolare "Iniziativa a favore delle famiglie" e la modifica della legge sul contrassegno stradale.

L'iniziativa popolare "1:12-Per salari equi", chiede che all'interno della stessa azienda lo stipendio massimo non possa superare di oltre dodici volte lo stipendio minimo. In questo modo, i promotori dell'iniziativa intendono porre dei limiti alla retribuzioni dei dirigenti di livello più alto.

Chi é favorevole all'iniziativa pensa che sia giunto il momento di porre un freno agli stipendi milionari di certi dirigenti, che hanno in un certo senso perso il contatto con la realtà.

Pubblicità
Pubblicità

Mentre i contrari temono che questa iniziativa possa creare danni all'economia svizzera e che i favorevoli siano mossi in questa direzione soprattutto per "invidia". Il Consiglio Federale e Parlamento raccomandano al Popolo e ai Cantoni di respingere l'iniziativa, votando no.

Il secondo tema in votazione é un'iniziativa popolare denominata "Iniziativa a favore delle famiglie: deduzioni fiscali anche per i genitori che accudiscono personalmente i figli".

Gli iniziativisti vogliono che vengano concesse agevolazioni fiscali ai genitori che accudiscono personalmente i propri figli e chiedono di dare a queste famiglie una deduzione uguale o superiore a quella concessa ai genitori che lavorano fuori casa e che affidano i propri figli a terzi, pagando.

Il Consiglio Federale e il Parlamento sono contrari a questa iniziativa, motivando che i papà e le mamme che si occupano personalmente dei figli, non si assumono costi supplementari; per questo motivo oggi non fruiscono di deduzioni fiscali.

Pubblicità

Mentre i genitori che devono affidare i figli a terzi a pagamento, hanno dei costi che riducono la loro capacità economica e per questo motivo loro hanno attualmente delle deduzioni fiscali. Con l'attuale sistema vi é una parità di trattamento in termini fiscali dei diversi modelli di famiglia.

L'iniziativa punta a privilegiare invece la famiglia tradizionale a reddito unico, con un genitore a casa a curare i figli e l'altro al lavoro fuori casa.

Il terzo tema posto in votazione riguarda la modifica della legge sul contrassegno stradale. Il Consiglio Federale e il Parlamento vogliono aumentare il costo della vignetta autostradale dagli attuali 40 a 100 franchi.

In sintesi, il motivo dell'aumento previsto: maggiori entrate per migliorare e ampliare la rete stradale svizzera.

Contro questa decisione, i contrari all'aumento a 100 franchi hanno lanciato un referendum, motivando fra le altre cose, che un aumento di questa tassa del 150 % non é assolutamente accettabile.

Il risultato del referendum, in qualsiasi parte del mondo, sarebbe quasi scontato; ma non in Svizzera, dove, per fare un esempio, in passato il popolo aveva accettato in votazione l'aumento del costo della benzina.