Niente amnistia o Indulto 2013, ma grazie ad un decreto svuota carceri probabilmente saranno 3000 i detenuti che potranno tornare presto a casa. Proprio oggi pomeriggio 17 dicembre 2013 il Consiglio dei Ministri deciderà sul da farsi per l'attuale situazione carceraria italiana, ormai insostenibile.

Come annunciato nei giorni scorsi dal Ministro Annamaria Cancellieri, il #Governo sta cercando di attuare una serie di misure alternative al carcere per evitare l'amnistia o l'Indulto ma nel contempo svuotare le celle italiane.

Dopo l'ennesimo appello di Napolitano che ha dichiarato che la situazione delle carceri è "un problema da non trascurare nemmeno un giorno in più", il Governo Letta ha presentato una nuova serie di provvedimenti con un decreto legge sulle carceri e due disegni di legge per ridurre i tempi dei processi civili e penali.

Pubblicità
Pubblicità

Tra i vari provvedimenti del decreto svuota carceri si parte con la possibilità di far scontare per reati meno gravi gli ultimi due anni di pena agli extracomunitari nel loro paese d'origine. Di fatto una possibilità già presente con la legge Bossi-Fini, ma mai realmente applicata. Inoltre possibilità che venga tolta la recidiva per i tossicodipendenti in caso di fatti non rilevanti.

Tra le soluzioni per far uscire quasi 3000 detenuti dalle carceri italiane, anche l'utilizzo del braccialetto elettronico, dei domiciliari o della libertà anticipata. Le misure dovrebbero esser retroattive da gennaio 2010 ed inoltre si cercherà anche di facilitarne il reinserimento nel mondo del lavoro  grazie anche all'introduzione della figura del Garante nazionale dei detenuti. E voi siete favorevoli a queste misure o avreste preferito l'amnistia e l'indulto per la situazione delle carceri?