Dopo la marcia di Natale a Roma è tutto pronto per la marcia di Capodanno a Firenze per chiedere indulto e amnistia.

L'appuntamento è il primo gennaio 2014 a partire da mezzogiorno al piazzale Michelangelo di Firenze, dove l'associazione per l'iniziativa radicale "Andrea Tamburi" organizza un sit-in pacifico per chiedere al Parlamento di risolvere il problema del sovraffollamento nelle carceri italiane - già sanzionato dalla Corte di Strasburgo e oggetto di un messaggio alle Camere del presidente della Repubblica - approvando i provvedimenti di amnistia e indulto.

Durante l'iniziativa dei radicali fiorentini verrà appeso lungo il terrazzo di piazzale Michelangelo uno striscione lungo otto metri con la scritta "amnistia".

Pubblicità
Pubblicità

Quello che sta per chiudersi è stato un anno ricco di iniziative, interventi e polemiche politiche su indulto e amnistia imposti nell'agenda politica dalla Corte europea dei diritti dell'uomo e dal Capo dello Stato #Giorgio Napolitano.

A riaprire il dibattito sui provvedimenti di clemenza generale ad efficacia retroattiva che potrebbero consentire di alleggerire la situazione di sovraffollamento degli istituti penitenziari italiani è stata la cosiddetta sentenza Torreggiani più altri, con la quale la Corte di Strasburgo, l'8 gennaio scorso, ha condannato lo Stato italiano per la violazione dell'articolo 3 della Convenzione europea dei diritti umani. La vicenda riguardava trattamenti inumani o degradanti subiti dai detenuti ricorrenti, sette persone rinchiuse per molti mesi nelle carceri di Piacenza e Busto Arsizio in celle con meno di quattro metri quadrati a testa a disposizione.

Pubblicità

#Governo #Unione Europea