"In questo sistema carcerario i poliziotti sono 'torturati' quanto i detenuti. Ma gli ultimi reagiscono con la non violenza. Il luogo più bello, più tragicamente bello, sono le nostre carceri con i nostri carcerati. Viva gli ultimi che stanno vivendo nella forza di chi come i Radicali è sempre dalla parte dei diritti umani".

Così Marco Pannella, leader storico dei Radicali italiani, ha aperto oggi a Roma la terza marcia di Natale per l'amnistia, la giustizia e la libertà.

Alla marcia hanno partecipato centinaia di persone. Il corteo pacifico è partito da piazza Pia vicino a piazza San Pietro, per rendere omaggio a #Papa Francesco per i suoi gesti concreti di solidarietà e di giustizia.

Pubblicità
Pubblicità

Tappa anche davanti al carcere di Regina Coeli e in via Arenula, davanti al ministero della Giustizia. La marcia di Natale dei Radicali ha "assediato" anche i palazzi del potere, dalla Camera al Senato passando per Palazzo Chigi. Conclusione della manifestazione in piazza San Silvestro, dove sono intervenuti Marco Pannella e Rita Bernardini, attuale segretario dei Radicali italiani.

Sul problema delle carceri è intervenuto anche il presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini scrivendo una lettera alla Bernardini: "L'impegno della Camera sullo stato delle carceri italiane – ha assicurato la Boldrini - è assolutamente prioritario per rimuovere le condizioni disumane e degradanti in cui sono costretti a vivere migliaia di detenuti".

Sulla marcia per l'amnistia, per la quale avevano già manifestato apprezzamento il presidente della Repubblica #Giorgio Napolitano e il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, è intervenuto oggi anche il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Maria Ferri per dire, tra l'altro che "la marcia organizzata a dai Radicali per amnistia me giustizia deve costituire un importante stimolo per la politica, l'Europa aspetta risposte forti".

Pubblicità

#Unione Europea