Ha già presentato la sua squadra il neo segretario del #Pd #Matteo Renzi subito a lavoro il giorno dopo la vittoria delle primarie.

"Nell'autonomia del mio ruolo ho chiesto a dodici persone di darmi una mano nella segreteria, cinque uomini e sette donne. Nella squadra della segreteria l'età media è di 35 anni". Così Renzi durante la sua prima conferenza stampa da segretario Pd svolta oggi pomeriggio nella sede del partito in via Sant'Andrea delle Fratte a Roma.

Ecco i nomi dei componenti della nuova segreteria nazionale del Pd annunciati da Matteo Renzi: Lorenzo Guerini (sarà il portavoce), Deborah Serracchiani, Davide Faraone, Francesco Nicodemo, Chiara Braga, Alessia Morani, Luca Lotti, Stefano Bonaccini, Filippo Taddei, Maria Elena Boschi, Marianna Madia, Federica Mogherini e Pina Picierno.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo la conferenza stampa è atteso l'incontro tra Renzi e il presidente del consiglio Enrico Letta. Rispondendo alle domande dei cronisti sulla tenuta del governo il leader democratico ha detto che "il ritiro della fiducia al governo non è all'ordine del giorno. Ieri i cittadini hanno detto che è venuto il momento di fare sul serio". Renzi ha spiegato che non si dimetterà da sindaco di Firenze e che riuscirà a svolgere bene entrambi i ruoli.

"C'è un'urgenza di cambiamento che le primarie hanno segnato, i cittadini chiedono di cambiare passo, è urgente dare risposte, non possiamo perdere nemmeno un minuto", ha aggiunto Renzi il quale parlando del Pd ha chiarito: "Non ci sono rischi per l'unità del partito, bisogna lavorare insieme".

Accanto a Renzi il segretario uscente Guglielmo Epifani, che ha ribadito la soddisfazione del Pd per la grande partecipazione alle primarie.

Pubblicità

"L'affluenza si avvicina intorno a 2,9 milioni di votanti. Un dato che è la migliore risposta all'antipolitica. Ringrazio i volontari che hanno permesso questa giornata, in un momento di sfiducia questo è stato un gran segnale".