Il Porcellum è incostituzionale, si auspica un ritorno al Mattarellum. Ma quali sono le differenze? Porcellum e Mattarellum, ecco i due sistemi a confronto.



La Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale il Porcellum per ambo i punti sottoposti a controllo di costituzionalità: premio di maggioranza e mancanza di preferenze. Dopo 8 anni dall'entrata in vigore della legge elettorale definita dal suo stesso creatore come una "porcata", urge prendere provvedimenti, e si pensa subito ad una riforma elettorale e ad un possibile ritorno al Mattarellum.



Vediamo nel dettaglio le differenze emerse dal confronto tra Porcellum e Mattarellum:



Come funziona il Porcellum
- Il Porcellum è un sistema proporzionale a liste bloccate. L'elettore non ha la facoltà di esprimere preferenze verso i singoli candidati che vengono eletti in base alla posizione ricoperta dallo stesso all'interno della lista, nonché dal numero di seggi da essa ottenuta.

Pubblicità
Pubblicità





Sono previste inoltre delle soglie di sbarramento che favoriscono le coalizioni piuttosto che le candidature delle singole liste.



Il Porcellum
prevede inoltre un premio di maggioranza (viziato da incostituzionalità secondo la Corte) secondo il quale la coalizione o la lista più votata, che non abbia però ottenuto 340 seggi, ottiene un "bonus" per farle raggiungere la soglia in questione e creare una maggioranza in grado di governare.



Tuttavia l'attuale sistema prevede l'eventualità che in Senato si formi una maggioranza diversa da quella della Camera.



Come Funziona il Mattarellum -
Il Mattarellum è un sistema misto che prevede l'elezione del 75% dei parlamentari con collegi uninominali e il restante 25% con sistema proporzionale. Si configura quindi come un sistema più democratico che garantisce meglio la volontà dell'elettore che ha la facoltà di eleggere direttamente il singolo candidato.

Pubblicità

A differenza del Porcellum non prevede premio di maggioranza, sebbene anche in questo caso è prevista l'eventualità (più remota) di avere due maggioranze diverse tra Camera e Senato.



Molti politici appartenenti ai più disparati gruppi parlamentari hanno e stanno accogliendo il voto della Corte con favore e soddisfazione. Il padre del Porcellum, Roberto Calderoli ha dichiarato che ora ci saranno una serie di conseguenze derivanti dal voto della Corte. La sentenza, ammonisce, potrebbe delegittimare in un colpo solo Parlamento, #Governo, Presidente della Repubblica nonché la stessa Corte Costituzionale ed in ultima analisi la stessa sentenza di quest'ultima.



Beppe Grillo
sul Porcellum ha dichiarato: "La sentenza della Consulta di fatto cancella il Porcellum che va considerato decaduto con il ritorno immediato al voto con la precedente legge elettorale Mattarellum. Si torni al Mattarellum, si sciolgano le Camere e si vada al voto. Non ci sono alternative".



#Elezioni politiche