E’ il giorno delle attese primarie del #Pd, stasera si saprà chi sarà il nuovo segretario eletto tra i tra candidati in corsa.

Pippo Civati, Gianni Cuperlo e #Matteo Renzi sono già andati a votare in mattinata; il primo a Monza, il secondo a Roma, il terzo a Firenze. Il favorito dai sondaggi è il sindaco fiorentino, ma la vera scommessa del Pd sarà l’affluenza alle urne: non sarà facile raggiungere l’obiettivo sperato dei due milioni di elettori.

La partita delle primarie si gioca negli 8.800 seggi dislocati in tutta Italia e in queste settimane si è giocata anche su Twitter, dove i tre candidati hanno cinguettato anche stamane subito dopo il voto.

Pubblicità
Pubblicità

“Grazie a tutti i volontari che consentono le primarie e ai cittadini che stanno votando. Buon voto! Se non voti, l'Italia non #cambiaverso”, ha tweettato Renzi.

“Grazie ancora di cuore ai volontari. Un abbraccio a @matteorenzi e Pippo @civati. Ci sarò per la sinistra, per un nuovo Ulivo, per i diritti”, è il tweet post voto di Cuperlo.

“Ho votato. E ho votato bene :) #civado", quello di Civati.

Ma al di là del far play tra i candidati che ha caratterizzato la campagna elettorale non mancano le polemiche alle urne. In Sicilia, ad Enna, dove il segretario provinciale del Pd è l’ex senatore Mirello Crisafulli che vota Cuperlo, il deputato Davide Faraone e altri renziani hanno occupato il seggio delle primarie. “Anche a Enna hanno il diritto, se lo vorranno, di votare Matteo Renzi”, ha scritto Faraone su twitter.

Pubblicità

Protestano i civatiani invece nel Molise, dove una decina circoli di diversi centri in provincia di Campobasso non hanno ottenuto l’autorizzazione per svolgere le primarie dalla commissione regionale del partito. Si tratta dei circoli di Macchia Valfortore, Guardialfiera, Montefalcone, San Giacomo degli Schiavoni, Sant'Elia a Pianisi., Vinchiaturo, Venafro, Trivento e Tufara.

Non mancheranno altre polemiche durante la giornata; ma le schermaglie serie nel più grande partito che sostiene il Governo Letta probabilmente arriveranno nei prossimi giorni col nuovo segretario.