Il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani è al centro di uno scandalo rivelato da "Il Fatto Quotidiano" e rimbalzato immediatamente sul web alimentando la polemica anti casta. L'esponente politico del partito democratico avrebbe un cavallo adottato prima che finisse al macello. L'animale attualmente si troverebbe al maneggio Randis, nelle valli della Carnia nella zona orientale del Friuli. Secondo il quotidiano il maneggio che lo ospita si sarebbe aggiudicato ben 40 mila euro attraverso una norma inserita nella legge di stabilità regionale. Un emendamento al bilancio, giunto direttamente dalla giunta presieduta dalla Serracchiani che prevede un contributo straordinario per l'anno prossimo e altre somme di importo non specificato. Il sospetto, per molti, è parso immediatamente legittimo.

Pare che lo stesso partito della Serracchiani, il PD appunto, non abbia digerito questa cosa facilmente: i consiglieri regionali avrebbero chiesto spiegazioni senza che gliene venissero forniti.

Pubblicità
Pubblicità

Il fatto è abbastanza palese, infatti, per passare inosservato e nel silenzio mediatico.

E' stato il portavoce Giancarlo Lancellotti ad abbozzare una sorta di spiegazione che pare però fare acqua: "La presidente Serracchiani quando trova il tempo va a fare una passeggiata a cavallo ma non lo fa gratis". Non lo fa gratis si, sarà anche vero e giusto: ma i finanziamenti della Regione sono soldi pubblici. Di sicuro si tratta di uno scivolone che non aiuta la politica e Debora Serracchiani.