#Sondaggi politici elettorali: dopo l’elezione di #Matteo Renzi a segretario di partito c’è un vero e proprio boom per il #Pd che in soli pochi giorni registra il 6 per cento in più raggiungendo il 35,6 per cento. M5S e Forza Italia invece subiscono un brusco calo dovuto evidentemente alla situazione di stallo che vivono e all’effetto Renzi.

PD: secondo i sondaggi Demos, Ipsos e Ixè, il Partito Democratico impenna salendo di 6 punti in più, infatti se si dovesse andare a votare oggi il PD raccoglierebbe il 35,6 per cento a fronte del 29,6 per cento della scorsa settimana, sondaggi che precedevano le primarie nel PD e l’elezione del sindaco di firenze.

Pubblicità
Pubblicità

Il centro sinistra, con SEL e gli altri partiti minori, supererebbe il 40 per cento (40,6 per cento).

M5S: brusco calo per il Movimento 5 Stelle, infatti il partito di Grillo, se si dovesse andare a votare oggi, porterebbe a casa il 18,1, tre punti in meno rispetto alla scorsa settimana che si trovava al 21,1 per cento. Sarà l’effetto Renzi?

Forza Italia e centro destra: il partito di Silvio Berlusconi subisce una flessione, dal 21,6 per cento della scorsa settimana al 18,9 per cento di oggi. Il partito di Alfano invece registra una lieve crescita dal 4,6 per cento dei giorni passati al 5 per cento. Se tutti i partiti di destra dovessero andare uniti alle elezioni prenderebbero il totale di 33,6 per cento (due punti in meno rispetto alle precedenti politiche.

Lega Nord: piccola crescita della Lega Nord dopo l’elezione di Salvini a segretario, dal 5 per cento sale al 5,5 per cento.

Pubblicità