Ad ormai 48 ore dal confronto tv andato in onda su Sky Tg 24 che ha visto protagonisti Renzi, Civati e Cuperlo - candidati a ricoprire il ruolo di Segretario del #Pd -, è possibile tirare le somme stilando una graduatoria in termini di consensi ed approvazioni ricevuti dai tre leader politici. Quanti si attendevano uno scontro acceso, vivace e polemico sono di certo rimasti delusi, con un aplomb in classico stile britannico ad aver dominato la scena. Poche scintille, tante idee e qualche concetto meno chiaro hanno caratterizzato il confronto tra i candidati alle primarie PD avvenuto nello scenario dell’Arena di X Factor a Milano.

Sondaggi Politici Primarie PD: Semprini modera il confronto, Civati il più deciso

Il duello è stato effettuato in classico stile americano, con Gianluca Semprini a moderare il dibattito: il giornalista di Sky ha rivolto gli stessi quesiti ai tre leader politici, i quali uno ad uno hanno espresso il proprio parere. Quelli connessi ad unioni gay, Legge elettorale e introduzione di una patrimoniale i temi più scottanti della serata: chiaro ed estremamente deciso, Civati ha senza dubbio dominato la scena, sostenendo che sulle unioni gay e sul tema di adozioni ed affidi alle coppie gay bisogna si rispetti il disposto dell’art. 3.



Sulla Legge Elettorale Renzi è stato molto chiaro - “Non devono esistere elezioni dall’esito incerto” -, con Civati a dirsi favorevole al Mattarellum. Cuperlo ha invece bocciato il Porcellum proponendo il doppio turno. Tutti d’accordo sulla patrimoniale, con Civati ad essere ancora una volta il più deciso dei tre. Sul tema privatizzazioni Renzi è andato all’attacco - “Così è compro oro” - , Cuperlo ha espresso un deciso ‘no’ a tagli indiscriminati, mentre Civati ha sottolineato che non si fida di un personaggi come Alfano, leader del Nuovo Centrodestra. Stuzzicati infine sulla possibilità o meno che Silvio Berlusconi, decaduto dalla carica di Senatore e leader politico di Forza Italia, rappresenti ancora un avversario, i tre hanno lanciato feedback completamente diversi: Cuperlo si è semplicemente augurato un secco ‘no’, Renzi ha predicato prudenza trincerandosi dietro un “non lo so”, mentre Civati è stato sicuro nel sottolineare che l’ex premier è ancora certamente un avversario da tenere in considerazione.

Sondaggi Politici Primarie PD: appelli finali ed esito targato Sky

Gli appelli finali sono stati aperti dall’intervento di #Matteo Renzi, che ha sottolineato come “l’unico valore importante in questo momento sia quello economico. Il mio PD punta a far vincere la sinistra”; Civati ha parlato di un “PD degli elettori”, mentre Cuperlo ha chiuso citando Italo Calvino e  rimarcando come il suo PD riscoprirà la dimensione culturale del paese.



Il sondaggio politico finale effettuato da Sky ha fatto luce sulla situazione attuale dopo quanto visto durante Il Confronto: Renzi è risultato al 50%, Civati però - autentico mattatore della serata - è al 36% in grande rimonta, mentre Cuperlo, il vero sconfitto, si è fermato al 14%. Gli esiti interessano non solo gli elettori di sinistra ma anche gli avversari di centro destra, in primis gli esponenti di Forza Italia, coinsiderato che dalla scelta del candidato PD con cui dovranno vedersela dipenderà molto dell'impostazione della prossima campagna elettorale.







#Sondaggi politici