Indulto e amnistia 2014, cresce l'attesa per l'esame congiunto dei quattro ddl per la concessione dei provvedimenti di clemenza alla commissione Giustizia del #Senato.

Dopo aver visto alcuni dettagli dei due ddl congiunti presentati da Luigi Manconi, del Pd, presidente della Commissione straordinaria per la tutela dei diritti umani, e dal senatore Luigi Compagna, vediamo quali sono le caratteristiche del ddl per la concessione di amnistia e indulto (numero 1081 degli atti del Senato della XVI legislatura) presentato dal senatore Lucio Barani del gruppo Gal (Grandi Autonomie e Libertà) il 9 ottobre scorso, proprio un giorno dopo il messaggio alle Camere del presidente della Repubblica #Giorgio Napolitano che ha chiesto provvedimenti urgenti per affrontare il problema del sovraffollamento nelle carceri italiane.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo quanto previsto all'articolo 1 del "ddl Barani" "è concessa amnistia – si legge nel testo - per ogni reato per il quale è stabilita una pena detentiva non superiore nel massimo a sei anni, ovvero una pena pecuniaria, per reati commessi non oltre il 30 settembre 2013". Ecco la prima differenza dai "ddl Manconi – Campagna" che erano stati presentati prima e che prevedono che l'amnistia venga concessa per tutti i reati commessi entro il 14 marzo 2013 per i quali è stabilita una pena non superiore a quattro anni o una pena pecuniaria.

Differenze significative anche per quanto riguarda l'indulto. Secondo l'articolo 3 del "ddl Barani" "è concesso indulto – si legge nel testo - nella misura non superiore a cinque anni per le pene detentive e non superiore a 12.911 euro per le pene pecuniarie; nella misura non superiore a otto anni a chi faccia completa divulgazione di tutti i fatti relativi a reati commessi durante la loro partecipazione in organizzazioni criminali.

Pubblicità

L'indulto – prevede il ddl - ha efficacia per i reati commessi fino al 30 settembre 2013" mentre i "ddl Manconi-Campagna" prevedono l'indulto per i reati commessi fino al 14 marzo 2013, per reati che prevedono pene detentive fino a tre anni e non superiore a 10.000 euro per le pene pecuniarie.

In questo ddl presentato dal senatore Barani sembrano ridotti anche i casi esclusione di reati per i quali è possibile concedere indulto e amnistia, ma su quest'aspetto si prevede un dibattito serrato in commissione Giustizia a Palazzo Madama. In linea generale si può dire che vengono esclusi da indulto e amnistie le pene previste per reati particolarmente odiosi: come per esempio mafia, terrorismo, strage, pedofilia e tanti altri. #Camera dei Deputati