Il problema del sovraffollamento delle carceri continua ad essere uno dei temi caldi della politica italiana, intimata dalla Corte di Giustizia Europea a trovare una soluzione alle disumane condizioni di vita nei penitenziari italiani tassativamente entro il 28 maggio 2014.

In materia di amnistia e indulto però le opinioni sono contrastanti: contrario Matteo Renzi, favorevoli numerosi esponenti di PD e Forza Italia oltre che, ovviamente i Radicali. Proprio questi ultimi hanno organizzato a Roma la marcia del 25 dicembre e a Firenze la manifestazione di Capodanno, al fine di sensibilizzare l'opinione pubblica e il popolo italiano su questo drammatico problema.

Pubblicità
Pubblicità

Numerosi sono state inoltre i sit- in in varie parti d'Italia davanti alle carceri, soprattutto di Sicilia e di Sardegna.

Oggi 8 gennaio 2014 sono stati presentati in Commissione nuovi disegni di legge al fine di cercare di risolvere il problema del sovraffollamento e delle difficili condizioni di vita nelle carceri. Molte di queste proposte sono state avanzate dal Movimento Cinque Stelle, ecco di seguito le principali: la depenalizzazione dei reati minori con l'abolizione della legge Fini - Giovanardi; la riduzione o la completa eliminazione della custodia cautelare; la ristruttarazione e l'adeguamento delle carceri esistenti, con il miglioramento degli spazi già in uso; l'accordo con i Paesi d'origine dei detenuti stranieri affinchè scontino la pena nella propria patria. Oltre a queste idee, viene ovviamente proposta la soluzione dell'indulto e dell'amnistia.

Pubblicità



#Beppe Grillo #Giorgio Napolitano