Insieme all'indulto serve l'amnistia. Ne è convinto il presidente dell'Associazione nazionale magistrati Rodolfo Sabelli il quale, commentando la relazione del primo presidente della Suprema Corte di Cassazione Giorgio Santacroce in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario 2014, afferma che "l'indulto è una risposta di tipo emergenziale prevista dal codice penale alla quale noi dell'Anm – ha detto Sabelli in una nota stampa diffusa anche su facebook - non ci siamo mai opposti".

"Ma ribadiamo l'esigenza di riforme strutturali della giustizia – ha proseguito il presidente dell'Anm - in grado di prevenire e di risolvere nel lungo termine sul problema del sovraffollamento carcerario.

Pubblicità
Pubblicità

L'indulto – ha spiegato Rodolfo Sabelli - è una risposta all'emergenza ma che può lenire in tempi rapidi il problema del sovraffollamento delle carceri. Un indulto senza amnistia – ha sottolineato il presidente dell'Associazione nazionale magistrati - non risolve il problema delle pendenze giudiziarie".

E' intervenuto oggi sui provvedimenti di clemenza - chiesti con un messaggio alla Camere dal presidente della Repubblica alla luce della condanna dell'Italia da parte della Corte di Strasburgo per violazione dei diritti fondamentali nelle carceri – anche il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri.

"L'indulto, per il quale la decisione parola spetta al Parlamento e non al Governo, è una delle soluzioni al problema del sovraffollamento carcerario ed è meglio se viene accompagnato anche da un provvedimento di amnistia – ha detto ai microfoni di Sky Tg 24 il sottosegretario alla Giustizia - perchè dobbiamo pensare a quel che avviene nelle aule dei tribunali.

Pubblicità

Occorrono provvedimenti di clemenza ma accompagnati – ha aggiunto Cosimo Ferri sulla stessa lunghezza d'onda del ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri - da riforme strutturali intervenendo su prescrizione, impugnazioni e riti alternativi".

Intanto, contro i provvedimenti di clemenza, dopo le parole del primo presidente della Cassazione, hanno fatto sentire la loro voce di protesta la Lega Nord Matteo Salvini e Italia dei Valori Ignazio Messina. Non si sono espressi il segretario del Pd #Matteo Renzi e il leader del Movimento 5 stelle Beppe Grillo entrambi fortemente contrari a indulto e amnistia. #Senato #Camera dei Deputati