Amnistia e indulto, si fa sentire anche il "popolo del web" contro il sovraffollamento nelle carceri italiane.

Dopo la condanna dell'Italia da parte della Corte di Strasburgo per le condizioni inumane e degradanti negli istituti penitenziari - che ha spinto il presidente della Repubblica a inviare un messaggio alle Camere per chiedere l'approvazione dei provvedimenti di clemenza - sono spuntati come i funghi diversi gruppi e pagine a favore di indulto e amnistia su uno dei più popolari social network.

Ecco che alcune bacheche su Facebook dove numerosi utenti condividono link, raccontano storie ed esperienze, criticano le condizioni in cui sono costretti a vivere i detenuti in Italia e chiedono provvedimenti di clemenza che possano alleggerire la situazione di sovraffollamento e i numerosi problemi che ne derivano.

Pubblicità
Pubblicità

"Sì amnistia e indulto - L'Italia viola i diritti umani" oppure "Per noi che vogliamo l'amnistia e l'indulto" sono i titoli di due "gruppi aperti".

Ci sono anche "gruppi chiusi", come per esempio "Ricominciamo da indulto e amnistia" o quello chiamato "Diritti per i detenuti amnistia e indulto", dove nella descrizione si legge: "Questo gruppo è un'iniziativa per documentarsi, scambiarsi idee, fatti di cronaca, ma soprattutto la lotta continua per amnistia e indulto.

Lo Stato – si legge nella descrizione del gruppo "Diritti per i detenuti amnistia e indulto" – deve uscire fuori dalla flagranza criminale per le condizioni disumane a cui son sottoposte le persone detenute! Categoricamente, esclusi vigliacchi, traditori, infami e tutti quelli con reati torbidi".

Una fanpage è stata chiamata semplicemente "Amnistia e indulto", si legge nella presentazione: "A causa del sovraffollamento delle carceri lo Stato dovrebbe applicare le leggi che possono in qualche modo risolvere questo grave problema".

Pubblicità

Infine ci sono altre pagine dedicate, come per esempio quella denominata "Amnistia e Indulto: tra certezza della pena e rispetto dei diritti", "Amnistia e indulto, problema o soluzione?". Ma anche su altri social network e siti web è in questi giorni acceso il dibattito su indulto e amnistia.

#Governo #Camera dei Deputati #Unione Europea