Durante la conferenza stampa tenutasi a Bruxelles, in occasione della presentazione di Expo 2015, il presidente della Commissione Europea Josè Manuel Barroso ha espresso parole di ottimismo rispetto ad una generale ripresa e di apprezzamento per quanto compiuto dal nostro Paese

"Pensiamo che nel 2014 possa esserci una svolta per l'Europa e per l'Italia. La nostra strategia, rappresentata da consolidamento fiscale, riforme strutturali e investimenti mirati, ha cominciato già a dare i suoi primi frutti.

L'Italia, grazie ai suoi sforzi notevoli, è riuscire a uscire dalla procedura per deficit nel 2013. Questo notevole risultato ha permesso di ripristinare la fiducia e di far calare lo spread, facendo risparmiare milioni di euro ai contribuenti italiani.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre l'Italia, sotto la leadership del primo ministro Letta, ha anche avviato delle misure per contrastare la disoccupazione e semplificare l'amministrazione pubblica per rafforzare la fiducia degli investitori nel mercato unico e per utilizzare meglio i fondi dell'Ue.

In modo particolare – ha proseguito Barroso – vorrei plaudire all'impegno italiano per l'attuazione del sistema di garanzia per i giovani. L'Italia ha anche cominciato a rimborsare il debito commerciale alle imprese italiane.

Le privatizzazioni, la spending review per migliorare i risparmi nel settore pubblico ed il pacchetto di sanzioni che l'Italia ha studiato per migliorare l'ambiente di lavoro nelle aziende, sono misure molto importanti, verso una strada che porta poi a crescita e occupazione".

Ma, ha ammonito il presidente Barroso, l'Italia è ancora vulnerabile: anche se si è più vicini al traguardo, la maratona non è finita.

Pubblicità

Anzi, non bisogna distrarsi lungo questi ultimi chilometri, pena l'erosione della nuova fiducia che è stata ripristinata nei confronti dell'Italia.

Il successo economico italiano dipenderà dai progressi nel ridurre l'enorme debito, che è un ostacolo per il futuro italiano e sbloccare il potenziale di crescita del Paese grazie all'attuazione delle riforme strutturali.

Barroso ha espresso l'auspicio della Commissione Europea per una maggioranza stabile a favore di questo Governo.

Il primo ministro #Enrico Letta ha dichiarato che durante il prossimo semestre le parole chiave dell'attività italiana saranno crescita e lavoro, in grado di sconfiggere quel malessere sociale drammatico in molte parti d'Europa e sicuramente in molte parti d'Italia, che rende i cittadini italiani particolarmente diffidenti rispetto all'idea stessa di Europa.

"Abbiamo davanti le elezioni europee, che saranno molto difficili se non saremo in grado di dare dell'Europa un'idea diversa: l'Europa che è la soluzione, non il problema, come qualcuno – sbagliando – racconta" ha affermato Letta, che ritiene le riforme istituzionali, una legge elettorale che funzioni, la fine di questo bicameralismo paritario che rappresenta una cosa obsoleta nel nostro Paese, fondamentali per la stabilità e per il funzionamento del sistema.

Pubblicità

#Crisi economica #Unione Europea