Indulto, amnistia, "decreto svuota carceri" all'ordine del giorno. Sarà molto probabilmente una nuova "giornata di fuoco" quella di oggi tra Palazzo Montecitorio e Palazzo Madama.

Alla commissione Giustizia del #Senato riprende oggi alle ore 14.30 l'esame congiunto di quattro ddl per la concessione di indulto a amnistia, due presentati qualche mese dopo la condanna dell'Italia da parte della Corte di Strasburgo per le condizioni di sovraffollamento, e altri due presentati subito dopo il messaggio alle Camere con cui il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha chiesto a deputati e senatori di approvare i provvedimenti di clemenza generale previsti dalla Costituzione.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta dei "ddl Manconi – Campagna" esaminati insieme ai "ddl Barani" e "ddl Buemi".

L'importante riunione di commissione arriva dopo le polemiche di ieri nella commissione gemella della #Camera dei Deputati. Alla commissione Giustizia di Montecitorio, infatti, dove era in discussione il "decreto svuota carceri", è andato ieri in scena lo scontro tra il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri e i deputati di Movimento 5 stelle e Lega Nord, rispettivamente Andrea Colletti e Nicola Molteni, contrari al provvedimento. I grillini tuonano contro quello che definiscono "indulto mascherato", i leghisti annunciano "guerriglia".

Mentre oggi alla commissione Giustizia della Camera, alle ore 15, cominciano le audizioni ufficiali sulla conversione del decreto legge contro il sovraffollamento carcerario e per i diritti dei detenuti, al Senato si apre lo scontro su indulto e amnistia.

Pubblicità

Contrari nettamente ai provvedimenti di clemenza sono il Movimento 5 stelle, la Lega nord e i Fratelli d'Italia. Favorevoli Forza Italia, Nuovo centrodestra, Udc, Scelta civica e Sel. Situazione anomala nel Pd, dove la maggior parte dei parlamentari sembra favorevole a indulto e amnistia e va a trovare i detenuti nelle carceri, ma il segretario del partito Matteo Renzi resta contrario così come #Beppe Grillo. Non sarà facile trovare in Parlamento l'ampia condivisione necessaria a far passare indulto e amnistia per alleggerire la situazione di sovraffollamento delle carceri italiane.