Amnistia, indulto, decreto svuota carceri, riforma custodia cautelare: ecco gli aggiornamenti e le ultime notizie che arrivano dl Parlamento. Alla #Camera dei Deputati si sta concludendo l'esame degli emendamenti alla proposta di legge sulla custodia cautelare. La seduta a Montecitorio è stata sospesa e ricomincerà alle ore 16 l'esame del testo che dovrebbe avere il via libera in giornata per poi passare al #Senato in seconda lettura.

La proposta di legge sulla modifica della custodia cautelare, presentata dalla deputata #Pd Donatella Ferranti più altri, tecnicamente è stata intitolata "Modifiche al codice di procedura penale in materia di misure cautelari personali" (atto Camera 631) e sostanzialmente punta a ridurre la carcerazione preventiva rendendo più stringenti i presupposti e le motivazioni e ampliando le misure alternative al carcere.

Pubblicità
Pubblicità

È questo uno dei provvedimenti – insieme al decreto svuota carceri in discussione alla commissione di Giustizia della Camera e a quelli per la concessione di indulto e amnistia sotto esame nella commissione gemella del Senato - che hanno come obiettivo l'alleggerimento del sovraffollamento carcerario dopo che la Corte di Strasburgo, con la sentenza Torreggiani, ha condannato l'Italia per le condizioni degradanti e inumane delle carceri.

E mentre si attende per oggi pomeriggio la discussione su indulto e amnistia a Palazzo Madama continua a far discutere il decreto legge svuota carceri in discussione a Montecitorio.

Stamane nella sala stampa della Camera dei Deputati sono state illustrate alcune proposte di emendamenti dell'Unione delle Camere Penali, del comitato Tre Leggi e di Antigone, sostenute da Pd e Sel, al decreto sulle carceri e per i diritti dei detenuti approvato dal Governo Letta su proposta del ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri e che entro il 22 febbraio dovrà essere convertito in legge.

Pubblicità

Secondo le associazioni il decreto Cancellieri sulle carceri è "un passo nella direzione giusta" ma può essere migliorato. Gli emendamenti proposti prevedono modifiche alla figura del Garante nazionale dei detenuti, che dovrebbe essere svincolata dal Governo, e l'abbassamento delle pene per i reati di lieve entità riferibili alle sostanze stupefacenti.

Sul decreto svuotacarceri esprimerà un parere anche il Csm e il 14 gennaio è prevista alla commissione Giustizia della Camera - come ha comunicato il presidente Donatella Ferranti (Pd) - l'audizione del ministro dell'Interno Angelino Alfano.