Renzi e Berlusconi si sono incontrati ieri nella sede del Partito Democratico ed, alla fine, sono usciti entrambi soddisfatti per aver trovato un accordo sulla legge elettorale, sulla modifica del bicameralismo perfetto e sulla devoluzione di competenze dal Governo centrale alle Regioni.

Per entrambi, dopo le prossime elezioni politiche, in Parlamento non dovranno esserci i piccoli partiti, in quanto condizionerebbero le scelte dei partiti maggiori. In pratica, chi vince deve poter fare liberamente quello che vuole per l'intera legislatura.

La democrazia non è un'altra cosa? Tener conto anche di quello che pensano gli altri è cosa buona e giusta.

Pubblicità
Pubblicità

Si rischierebbe di lasciare senza rappresentanza parlamentare una buona parte dei cittadini e di ritrovarsi, poi, a fronteggiare manifestazioni di piazza, unico mezzo per farsi ascoltare.

I due dovrebbero anche tener conto che un solo partito, seppur grande, non vince da solo ma deve necessariamente formare una coalizione elettorale con altre forze politiche e con esse raggiungere compromessi.

Per quanto riguarda le riforme costituzionali, si parla della fine del bicameralismo perfetto. Oggi, infatti, l'iter parlamentare di una legge è piuttosto complesso e lento. Dopo l'approvazione di uno dei rami parlamentari, Camera o Senato,  la  legge da approvare passa all'altro ramo e, nel caso di modifica anche parziale, torna nuovamente al primo. Con i tempi che corrono vanno prese decisioni in tempi brevissimi.

Pubblicità

 Basta soltanto la Camera dei Deputati per legiferare. Mi sembra giusto il principio ma non capisco il motivo per il quale è necessario lasciare in vita il Senato, rinominato Senato delle Autonomie con compiti di pura rappresentanza.

Altra riforma costituzionale concordata è quella di affidare alle Regioni compiti che oggi appartengono al Governo. Speriamo che questa devoluzione non porti all'aumento delle tasse regionali, cosa accaduta in questi ultimi anni.  #Silvio Berlusconi #Matteo Renzi