Davvero interessanti gli ultimi #Sondaggi politici elettorali elaborati dall'istiuto di ricerca Euromedia di Alessandra Ghisleri e pubblicati il 21 gennaio 2014. L'esito sulle intenzioni di voto cambia gli scenari politici fra PD, Forza Italia e #M5S.

Successivamente vedremo nel dettaglio le percentuali indicate dal suddetto sondaggio, riportando partito per partito la loro assegnazione.

Sorpasso dunque effettuato da parte della nuova Forza Italia di Berlusconi ai danni del Movimento 5 Stelle di Grillo, sembra evidente che l'attesa e l'esito dell'incontro Renzi-Berlusconi per la riforma della nuova legge elettorale che ha partorito l'Italicum, ma anche l'accordo sulla riforma dell'articolo V della Costituzione e l'abolizione del Senato, o meglio trasformazione in Camera delle Autonomie, abbia portato i suoi frutti.

Pubblicità
Pubblicità

D'altro canto il PD si è spaccato almeno in parte, e probabilmente questo accordo non è piaciuto a tutti gli elettori del Partito Democratico, specie ai fedelissimi bersaniani. La situazione si fa critica, conle dimissioni di Cuperlo da Presidente della segreteria PD dopo l'accesso scontro con lo stesso Matteo Renzi reo di aver fatto perdere lo spirito del partito coinvolgendo un condannato come Berlusconi, potrebbe avere ripercussioni ancor più negative sugli elettori, ma questo lo sapremo in seguito.

Il M5S di Grillo paga una non precisa proposta politica, la spaccatura fra il leader e alcuni deputati, forse gli stessi elettori grillini vorrebbero più flessibilità. E' pur vero che i sondaggi elettorali sono sempre da prendere con le molle. Sorpresa negativa per il Nuovo Centrodestra di Alfano, dato da Euromedia abbondantemente sotto la soglia di sbarramento (secondo Italicum) del 5%, rischia grosso in caso di elezioni anticipate.

Pubblicità

Sale la Lega ma non abbastanza da raggiungere la percentuale di sbarramento, sotto il 4% anche SEL, peggio fanno gli altri partiti minori.

Per quanto riguarda le intenzioni di voto raggruppate per coalizioni, i due poli restano molto vicini, il Centrodestra viene indicato al 34,0% contro il 33,4% del Centrosinistra. Viene da pensare che dovremmo attenderci interessanti ballottaggi con la nuova legge elettorale, ammesso che passi il voto del Parlamento.

Sondaggi politici elettorali, intenzioni di voto per partiti al 21 gennaio 2014

  • PD 29,1%
  • Forza Italia 22,0%
  • M5S 21,8%
  • Lega Nord 4,4%
  • NCD 3,8%
  • SEL 3,4%
  • UDC 2,5%
  • Fratelli d'Italia 2,3%
  • Scelta Civica 1,5%

Non si può nemmeno fare a meno di notare che esiste talvolta una grande differenza percentuale mettendo a confronto i sondaggi elettorali di vari istituti.

#Silvio Berlusconi