Gli italiani sono sempre molto attenti ai sondaggi anche perché il meccanismo dei sondaggi politici ed elettorali spesso hanno un effetto boomerang sull'elettorato stesso. Siamo in tempi di grandi trasformazioni economiche, la nuova tassazione sulla casa in primis, ma anche le promesse della ripresa economica fatta dal governo Letta. In più si aggira sempre lo spettro delle elezioni, quindi non soltanto gli italiani ma anche i partiti seguono con attenzione l'andamento. Il M5S è in leggera crescita, mentre il PD di Renzi mantiene un trend assolutamente positivo. Analizziamo nello specifico i dati dei #Sondaggi politici ed elettorali dell'Istituto Ixè.

Pubblicità
Pubblicità

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: il PD di Renzi e il centrosinistra

Per quanto riguarda il centrosinistra, il sondaggio politico ed elettorale di Ixè conferma la crescita continua del PD guidato da Matteo Renzi. Secondo le indicazioni di voto del campione intervistato, il PD di Renzi sale di uno 0,8% rispetto alle rilevazioni di dicembre, salendo al 31,3%. Da sottolineare l'intero andamento: a settembre, sempre secondo questi sondaggi politici ed elettorali, il PD era fermo al 27,5%, in poco più di tre mesi ha ottenuto un incremento di quasi il 4%. Ancora in calo SEL di Nichi Vendola, rispetto a dicembre perde un altro 0,3% e si attesta al 2,8%. Tutto il centrosinistra, compresi anche i partiti minori, sarebbe intorno al 35%, guidando di fatto il paese.

Pubblicità

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: il centrodestra, sale FI, scendono Lega e NCD

Per quanto riguarda, invece, il centrodestra assistiamo, secondo i sondaggi politici dell'Ixè, a una crescita di FI di Berlusconi alla quale però corrisponde un calo della Lega e del NCD di Angelino Alfano. Analizziamo i dati nello specifico: FI di Berlusconi sale di mezzo punto percentuale, passando dal 21% di dicembre al 21,5% di gennaio. Lo stesso mezzo punto percentuale è quello che perde il NCD di Alfano che passa dal 4,6% di dicembre al 4,1% di gennaio. Anche la Lega Nord segna una flessione piuttosto decisa, il partito guidato da Salvini passa dal 3,8% di dicembre al 3,4% di gennaio. Tutto il centrodestra, compresi i partiti cosiddetti minori, si attesta al 32,8%, indietro di 2,2% rispetto al centrosinistra.

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: crescita per il M5S, calo per tutto il centro

Importanti anche i dati del sondaggio politico ed elettorale per quanto riguarda il M5S di Beppe Grillo.

Pubblicità

Secondo le indicazioni di voto del campione scelto tra gli italiani, il M5S sale di uno 0,8%, passando dal 21,3% di dicembre al 22,1% di gennaio. Questo trend positivo fa pensare a una nuova salita del Movimento di Beppe Grillo che soltanto due mesi fa, a novembre, si attestava intorno al 25%. Calo invece costante per Unione di Centro che perde un altro 0,1% e si attesta sul 2,2%, e per Scelta Civica che si ferma all'1,9%, perdendo un altro 0,3%.

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: M5S, PD di Renzi e FI di Berlusconi, un'analisi

Come analizzare questi dati? Sicuramente l'elezione a segretario del PD di Matteo Renzi ha dato nuova linfa al PD e in generale al centrosinistra, un uomo nuovo porta sempre con sé nuovi consensi. Il M5S invece resta costante seppur in crescita, cosa che dimostra come anche l'elettorato del Movimento di Beppe Grillo sia comunque stabile. FI di Berlusconi è in netta salita, segno che l'esperienza moderata di Alfano non sta conquistando l'elettorato.