L'aria di grande instabilità che si respira nel #Governo Letta, attraversato anch'esso da scandali politici la cui veridicità sarà poi la Magistratura a svelare, fa sì che i #Sondaggi politici ed elettorali si susseguano in grande numero. La prima annotazione che vogliamo fare riguardo al sondaggio Ixè che stiamo per discutere riguarda il fluttuare continuo dei dati al quale non sembrano essere esenti né il M5S di Grillo né il PD di Renzi né FI di Silvio Berlusconi.

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: i dati fluttuanti

Insomma, anche da una settimana all'altra, i dati cambiano parecchio, segno che l'elettorato è fortemente indeciso e l'indecisione, dovuta ovviamente a una situazione politico-economica molto difficile, fa sì che sia realmente molto difficile commentare i dati.

Pubblicità
Pubblicità

Anticipiamo immediatamente che per il PD forse è finito l'effetto Renzi, mentre il M5S, nonostante le polemiche, è rimasto grossomodo stabile, il centrodestra invece è in salita, non tanto grazie a Berlusconi e a FI, quanto piuttosto a Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia che si sta facendo molto sentire soprattutto sulla questione delle pensioni d'oro e della riforma Fornero.

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: fine effetto Renzi per il PD, in calo il centrosinistra

Per quanto riguarda i sondaggi politici elettorali di Ixè cominciamo dal centrosinistra. L'intera (ricordiamo "ipotetica") coalizione di centrosinistra perde circa mezzo punto percentuale passando dal 34,8% al 34,3%. A perdere parecchio sarebbe proprio il PD di Renzi che passa dal 31,3% al 30,4%, insomma non soltanto l'effetto Renzi per il PD sembra svanire, ma un calo di quasi un punto percentuale in una sola settimana è un caso veramente raro.

Pubblicità

Crescono un po' SEL che passa dal 2,8% al 3% e i cosiddetti altri di sinistra che guadagnano uno 0,2% e si attestano allo 0,9%. Sembrerebbe, insomma, che parte dell'elettorato deluso da Renzi stia migrando verso gli altri partiti di sinistra.

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: forte crescita del centrodestra, calo di FI

Per quanto riguarda i sondaggi politici elettorali di Ixè segnaliamo per il centrodestra un aumento deciso dello 0,7%, si attesterebbe una ipotetica alleanza al 33,5%, tallonando di fatto il centrosinistra. Nello specifico a crescere è soprattutto la Lega Nord che, rispetto alla scorsa settimana, guadagna un importante 0,4% passando al 3,8%. Leggera flessione invece per FI e Berlusconi che perdono lo 0,3% e si attestano su un 21,2%. Un rimbalzo in avanti lo fa anche Fratelli d'Italia probabilmente grazie alla continua esposizione mediatica di Giorgia Meloni sulla questione delle pensioni, il partito guadagna in una settimana lo 0,4% passando al 2,5%.

Pubblicità

Insomma, il calo del PD di Renzi, che sembra evidentemente deludere le aspettative, e la crescita dei vari del centrodestra riaprono pienamente la partita elettorale.

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: stabile il M5S, ancora calo per il centro

Quello che oramai è stato definito come una sorta di terzo polo, il M5S di Grillo resta costante. I sondaggi politici elettorali di Ixè confermano che il movimento ha guadagnato uno 0,2% rispetto alla settimana trascorsa e che si attesta al 22,3%. In poche parole, le polemiche intorno al reato di clandestinità che per un attimo sembravano poter spaccare il movimento di Grillo sono pienamente rientrate o comunque non hanno influito sull'elettorato più di tanto. Il centro invece è ancora assolutamente in calo: l'Unione di Centro perde ancora decimali e si attesta al 2%, mentre Scelta Civica erode un altro decimale e si ferma a quota 1,8%.

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: gli indecisi

I sondaggi politici elettorali di Ixè conteggiano anche gli indecisi, anzi si compie una somma tra indecisi, coloro che vogliono votare scheda bianca e coloro che ritengono che l'astensione sia la scelta, si arriva a un 40,1%, in leggera crescita di uno 0,2% rispetto alla settimana trascorsa. Il che vuol dire che la partita è assolutamente aperta e, a quanto dicono gli indicatori, sono prevalentemente gli elettori di centrodestra a dover essere spronati al voto. Sembra allora che questo bacino possa aiutare maggiormente il centrodestra.

Sondaggi politici elettorali gennaio 2014: la fiducia nel premier #Elezioni politiche

Infine, i sondaggi politici elettorali di Ixè continuano a segnare una flessione nella fiducia in Enrico Letta: dalla metà di dicembre a oggi il governo Letta ha perso il 7%, passando da un 28% a un 21%.