#Matteo Renzi e Angelino Alfano si scontrano su una riforma forte e favorevole alle unioni civili ed al superamento della Bossi-Fini che di fatto vincola, e non di poco, l'accoglienza sul fronte dell'emergenza immigrati, indipendentemente da dove questa si manifesti.

Il Nuovo Centro Destra di Angelino Alfano stoppa il neo segretario del #Pd sulle unioni civili dichiarando che prima bisogna pensare alla famiglia, e fa altrettanto con l'abrogazione della Bossi-Fini buttando il peso e manifestando la sua preoccupazione sulla sicurezza dei cittadini italiani.

Matteo Renzi, dal canto suo, prende atto e cerca comunque la maggioranza in Parlamento con un ottimismo rafforzato da un grande successo ottenuto con la legge Baslini-Fortuna sull'istituzione del divorzio nonostante il parere contrario di un partito piuttosto influente nel 1970, la Democrazia Cristiana.

Pubblicità
Pubblicità

Due giovani alla ribalta della politica italiana stanno attirando su di se le luci delle scene che riguardano il nostro Paese.

Sicuramente non manca su cosa discutere, riflettere, lottare con l'avversario/alleato politico. Qualche anno fa, forse, l'avversario politico e il suo alleato non potevano rispecchiarsi nello stesso partito ma oggi, con la mentalità delle larghe intese, questo è possibile ed immaginabile.

Angelino Alfano, ex braccio destro di Silvio Berlusconi è il nuovo volto del centrodestra; Renzi invece, che rappresenta la gioventù del Partito Democratico, è il principale alleato/avversario con la quale si deve confrontare su temi piuttosto caldi.

Di comune accordo sono sui tempi entro i quali deve prendere forma e consistenza la riforma elettorale: certamente l'attuale legislazione ha comportato non pochi problemi alle formazioni di governi stabili e duraturi.

Pubblicità

Ma il problema principale per cui si fa fatica a definire tempi e soluzioni è dato dal fatto che non si pensa ad una riforma elettorale che possa fare bene al Paese e far meglio rispettare la volontà del popolo, ma ad una soluzione che possa far salire il proprio partito e la propria coalizione al governo dell'Italia. #Nuovo Centrodestra