Nei giorni scorsi, a Orta di Atella, città nel casertano, nota per essere la città più giovane d'Italia, in una conferenza stampa, i socialisti, guidati dal segretario nazionale Riccardo Nencini hanno presentato la rivoluzionaria proposta di concedere, per le elezioni regionali, provinciali, comunali e circoscrizionali, il diritto di voto a 16 anni.

In Europa, infatti, sia in Austria che in Germania come in alcuni cantoni Svizzeri, il voto a 16 anni è legge da un pezzo e i socialisti,sottolineano che vogliono colmare questo gap con le altre democrazie europee. È quanto si legge in una nota diffusa sul sito ufficiale del partito.

Pubblicità
Pubblicità

"L'obiettivo – secondo quanto si legge sempre sul sito socialista– è quello di allargare la platea della partecipazione. Chiedere a un giovane che oggi ha maggiori possibilità di essere informato rispetto a trent'anni fa di partecipare attivamente alla vita politica significa impegnare una nuova generazione nella scelta del futuro dell'Italia e cambiare radicalmente consuetudini grazie a un mondo con sensibilità diverse".

Nencini, da parte sua, in conferenza stampa sottolinea come sia "necessario rinnovare la platea della partecipazione alla vita democratica del Paese".

Ma, è dalla personale pagina Facebook, che il segretario dei socialisti rincara la dose: "Si opporranno in molti. Come fecero quando si passò al suffragio universale maschile nel 1919, come fecero con il diritto di voto alle donne nel 1946.

Pubblicità

Si tratta di una battaglia giusta. La faremo."

Alla conferenza stampa, oltre a numerosi dirigenti locali e simpatizzanti, anche il Capogruppo socialista alla camera Marco Di Lello e il capogruppo in Consiglio Regionale Gennaro Oliverio secondo il quale: "Una società che chiede ai giovani di partecipare alla vita pubblica del Paese è una società che investe nel futuro".

Una nuova battaglia per allargare il suffragio quindi, perfettamente in linea con l'ultracentenaria storia che ha visto il partito dei socialisti impegnarsi per il suffragio universale maschile prima e del suffragio universale con voto anche alle donne poi. Allora le forze della conservazione vennero sconfitte, sarà così anche questa volta? #Governo #Senato #Camera dei Deputati