Il ministro Cancellieri parla nuovamente della delicata questione dell'Amnistia e indulto 2014. Mentre il ministro interviene sui provvedimenti di Amnistia ed indulto 2014, nel corso della cerimonia di apertura dell'anno giudiziario degli avvocati penalisti, nuove proteste dei detenuti per il sovraffollamento delle carceri si verificano a Genova.

Il ministro Cancellieri ha dichiarato che il #Governo deve assolutamente varare almeno il provvedimento di indulto in tempi brevi perchè la situazione del degrado delle carceri italiane, sanzionata anche dalla Comunità Europea, non è risolvibile in altro modo. Comunque sui provvedimenti di Amnistia ed indulto 2014, la situazione politica non è per niente delineata ed alcune forze politiche, tra cui il Movimento 5 stelle, sembrano voler osteggiare l'iter dei relativi decreti legge in Parlamento.

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso dell'incontro cui è intervenuta il Ministro Cancellieri, ha parlato anche il Presidente dell'Unione delle Camere Penali Italiane, che ha affermato che parte dei componenti del Governo Letta in realtà, secondo la sua opinione, non stanno facendo abbastanza per appoggiare il Ministro della Giustizia in questa difficile battaglia politica.

Mentre si discute delle modalità e della tempistica di approvazione dei provvedimenti di Amnistia ed indulto 2014, la situazione nelle carceri italiane peggiora di giorno in giorno, con il malessere di detenuti e forze dell'ordine che emerge in maniera sempre più forte, sfociando spesso in episodi davvero preoccupanti.

Nel carcere di Genova, infatti, nei giorni scorsi, un detenuto ha inscenato una protesta davvero estrema, cucendosi prima la bocca con un filo di ferro per protestare contro le condizioni di vita inaccettabile di quella casa circondariale, e poi tentando addirittura il suicidio, fortunatamente sventato dall'intervento delle forze dell'ordine.

Pubblicità