Con Renzi arriva Andrea Orlando alla Giustizia, per #amnistia e indulto le ultime notizie si concentrano sulla figura e le dichiarazioni del nuovo ministro e sulle tempistiche, dopo lo Svuota Carceri, per i ddl specifici su amnistia e indulto in corso di discussione nella commissione Giustizia del Senato.

Amnistia e indulto, ultime notizie: Andrea Orlando nuovo ministro

Cosa cambia per le carceri con Andrea Orlando? Su amnistia e indulto Orlando ha rilasciato alcune dichiarazioni in passato in cui sosteneva l'esigenza, più che di "misure congiunturali" di interventi che "affrontino strutturalmente il problema".

Pubblicità
Pubblicità

Nell'intervista riportata su Public Policy Orlando definisce l'amnistia una "lotteria", "perché alla fine ne beneficia soltanto chi si trova in una situazione congiunturale e sta in quel momento in carcere. Invece vorremmo che si trovi un meccanismo per smontare i fattori di carcerizzazione di questi anni".

Quindi il nuovo ministro su amnistia e indulto tiene una linea non troppo lontana dalla classica posizione che non nega del tutto tale possibilità ma vede come migliore soluzione un'ampia riforma della Giustizia che vada oltre le misure di clemenza immediate.

Amnistia e indulto, ultime notizie, dopo lo Svuota Carceri cosa seguirà?

Dopo lo Svuota Carceri per amnistia e indulto le ultime notizie, oltre che sulla nuova figura del Guardasigilli, si concentrano sul percorso istituzionale dei 4 ddl attualmente in commissione Giustizia al Senato: le proposte che in teoria dovrebbero dare alla luce un testo unico di base da discutere in Parlamento risultano attualmente ferme (come era facile immaginare), per via della formazione del #Governo.

Pubblicità

Nei prossimi giorni dovrebbero riprendere i lavori.

Al di là delle parole di Orlando prima della sua nomina a ministro della Giustizia, è giusto ricordare che esiste comunque la necessità di mettersi in regola con le direttive UE sulle carceri entro maggio, un obiettivo che Renzi e Orlando tenteranno sicuramente di raggiungere, ma ce la faranno senza ricorrere ad amnistia e indulto?