Indulto e Amnistia: dopo l'approvazione alla Camera del Decreto Svuota Carceri 2014 seppur con la forte opposizione del M5S e della Lega, si attende l'approvazione da parte del #Senato entro il 21 febbraio, data di scadenza per la conversione in legge del DL.

Ecco i punti principali del testo del Decreto Legge Svuota Carceri 2014

1) Viene introdotto come regola il braccialetto elettronico dal giudice che dispone gli arresti domiciliari, salvo casi particolari, per cui non c’è più la sua discrezionalità, questo sgraverebbe anche il lavoro delle forze dell'ordine e scoraggia l'evasione.

2) Per reati inferiori ai 18 mesi, il condannato può scontare la pena a casa propria (domicilio), anche in caso di parte residua della condanna, restano esclusi coloro che si sono macchiati di reati gravi e nei casi in cui viene rilevata la necessità della tutela del detenuto, oppure quando c’è il pericolo acclarato di fuga.

Pubblicità
Pubblicità

3) Per ogni 6 mesi di pena inflitta, passa da 45 a 75 giorni la detrazione della stessa nell’ambito delle liberazioni anticipate che contempla un periodo che parte il 1° gennaio 2010 fino al 24 dicembre 2015. I detenuti che non potranno usufruire dello sconto, sono i condannati per mafia e per altri delitti gravi come omicidio, violenza sessuale, rapina aggravata ed estorsione. Per gli altri tipi di reati tuttavia, resta valida la valutazione del magistrato per la concessione di libertà anticipata.

4) Affidamento in prova ai servizi sociali: si aumenta a 4 anni il limite tramite osservazione e aumentando nel contempo il potere decisionale del magistrato di sorveglianza.

 5) Per i detenuti, nasce la figura del Garante Nazionale che sarà composto da 3 membri esperti indipendenti in carica per 5 anni senza possibilità di rinnovo del mandato. Esso dovrà vigilare sul rispetto dei diritti umani nelle carceri e nei Cie, inoltre dovrà trasmettere al Parlamento una relazione sul suo operato che prevede accesso libero a strutture carcerarie e alla consultazione di documenti e richiesta di informazioni.

Pubblicità

6) Droga, da spaccio lieve si passa al reato lieve, sparisce dunque l'attenuante. Viene anche meno il divieto di disporre per più di due volte l'affidamento terapeutico al servizio sociale dei condannati tossico/alcool dipendenti. Ai minorenni tossicodipendenti accusati per piccolo spaccio sono applicabili le misure cautelari con invio in comunità.

7) Espulsione stranieri: oltre ai condannati che devono scontare 2 anni, rientrano anche quelli che hanno commesso un delitto previsto dal testo unico sull'immigrazione (condanna inferiore ai 2 anni), per rapina o estorsione aggravate. Sin dall'ingresso in carcere si velocizza la procedura di identificazione per poi procedere eventualmente all'espulsione.  #Governo