Emergenza carceri, amnistia e indulto continuano a essere i protagonisti del nuovo anno giudiziario 2014.

''Il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri è stata molto coraggiosa dicendo, in maniera semplice e lineare, che ci vuole l'indulto per fronteggiare il sovraffollamento nelle carceri". Lo ha affermato oggi, al termine della cerimonia di apertura dell'anno giudiziario 2014 degli avvocati penalisti che si è svolta nel Palazzo Vecchio di Firenze, Valerio Spigarelli, presidente dell'Unione delle camere penali italiane.

Però secondo Valerio Spigarelli al coraggio del ministro della Giustizia - che così come il presidente della Repubblica ha chiesto i provvedimenti di indulto e amnistia, il primo per alleggerire l'affollamento nelle carceri, il secondo per ridurre i procedimenti giudiziari in corso che intasano e rallentano la giustizia in Italia – non corrisponde il convinto appoggio del #Governo Letta.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo il presidente dell'Unione delle camere penali italiane ci sono riforme della giustizia che si potrebbero fare ma il contesto politico fatto di scontri, divisioni e polemiche non lo consente. "Ma è vero anche - ha sottolineato l'avvocato Valerio Spigarelli - che alcune volte, su certe questioni, raggiungere un piccolo obiettivo significa fallirne un più grande".

Alla cerimonia di apertura del nuovo anno giudiziario a Firenze ha partecipato anche il ministro della Giustizia. Annamaria Cancellieri, parlando delle risorse finanziarie destinate alla giustizia ha detto che sono scarse, mentre rispondendo alle domande dei cronisti sull'indulto e l'amnistia "io mi sono già espressa – ha detto il ministro Cancellieri – ora è una questione che riguarda il Parlamento".

Intanto, di amnistia e indulto si parlerà nell'Aula della Camera di Deputati il 7 febbraio 2014 quando è prevista la discussione sul messaggio alle Camere - inviato lo scorso 8 ottobre dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - relativo all'emergenza carceri e alla sentenza Torreggiani della Corte di Strasburgo che ha condannato l'Italia per violazione dei diritti fondamentali.

Mentre il 4, 5 e 6 febbraio in commissione Giustizia a Palazzo Madama continuerà la discussione sui quattro ddl per indulto e amnistia presentati dai senatori Manconi, Compagna, Barani, Buemi e altri.

Pubblicità

#Senato #Camera dei Deputati