L'Ucraina e la sua rivoluzione sono state fortemente volute e incentivate finanziariamente da associazioni vicine all'UE. E proprio a testimonianza di quanto da me riportato, oggi apprendo che la Crimea, repubblica autonoma ma appartenente all'Ucraina, vorrebbe l'indipendenza rivendicando così le sue radici russe e non europee. I manifestanti hanno occupato il Parlamento chiedendo la secessione dal nuovo governo filo-europeo che in soli due giorni ha già dichiarato che la lingua russa non sarà più lingua ufficiale in Ucraina.

Il Russo era lingua ufficiale nei comuni dove i russi costituiscono più del 10% della popolazione, cioè in 13 delle 27 suddivisioni amministrative del Paese, compresa la capitale Kiev.

Pubblicità
Pubblicità

Agli Ucraini che hanno giustamente protestato per il loro Paese direi di aprire gli occhi e di ricominciare a farlo immediatamente, perchè questa è una chiara violazione della carta dei diritti europea che stabilisce che le minoranza vanno tutelate e quindi anche la loro lingua. La popolazione di lingua russa in Ucraina costituisce la più grande comunità linguistica russa fuori dalla Federazione Russa, 14.273.000 cittadini ucraini (il 29,3% della popolazione totale) parla il russo come madrelingua.

In Crimea poi non si sono dimenticati la seconda guerra mondiale dove furono invasi dal reich tedesco proprio a causa dei pozzi petroliferi presenti nella zona e liberati dai sovietici dopo otto mesi di barbarie. Qui dove la maggioranza della popolazione è russa, i russi hanno la loro flotta navale, sul Mar Nero.

Pubblicità

Flotta già molto potente di per se alla quale ieri si è aggiunta la "Filchenkov" con a bordo 10 mezzi blindati, 200 soldati e 328 marines, e al suo seguito ci sarebbero altre quattro navi con a bordo truppe speciali.

Nei giorni scorsi invece si era aperta l'iscrizione alle milizie popolari ed i cittadini della Crimea erano scesi in piazza a manifestare contro la rivoluzione ucraina. Non è chiaro se si tratti di spostamenti di routine o di rinforzi mandati da Mosca. Il Cremlino si dichiara estraneo ai fatti ucraini e chiede di esserlo anche all'Europa, che invece non lo è affatto. #Unione Europea