Nei risultati parziali delle elezioni regionali di Sardegna 2014 è in avanti il candidato del centrodestra Ugo Cappellacci. Il governatore uscente è comunque in vantaggio di un soffio sullo sfidante del centrosinistra Francesco Pigliaru, mentre l'outsider Michela Murgia, alla guida della coalizione Sardegna Possibile, è parecchio indietro.

I risultati delle elezioni di Sardegna sono però ancora da prendere con le pinze, visto che fino a questo momento sono state scrutinate solo 82 sezioni su 1836 (meno del 5%, quindi), ma soprattutto perché tra i due candidati di punta c'è un distacco davvero minimo. Ugo Cappellacci (sostenuto da Forza Italia, Udc, Fratelli d'Italia e altri) è avanti con il 42,32%.

Pubblicità
Pubblicità

Segue Francesco Pigliaru (sostenuto da Pd, Sel, Idv, Psi e altri) con il 41,54%. A meno di sorprese, quindi, c'è da aspettarsi uno spoglio parecchio combattuto tra i due candidati di centrodestra e di centrosinistra. Risultato nelle elezioni di Sardegna invece deludente, almeno fino a questo momento, per Michela Murgia, che non riesce ad andare oltre il 10%.

Tra gli altri candidati, l'unico risultato che per il momento sembra essere significativo è quello di Mauro Pili, che sfiora il 5%. Il vero vincitore di queste elezioni in Sardegna è però l'astensionismo, dal momento che i dati definitivi sull'affluenza si sono fermati al 53% degli aventi diritto che si sono recati alle urne. Un risultato negativo, anche se si temeva che l'affluenza potesse addirittura fermarsi al di sotto del 50%.

Pubblicità

#Elezioni politiche