Il Governo non ha impugnato la legge promulgata lo scorso gennaio dalla Regione Abruzzo sull'uso terapeutico della cannabis, dando così il via libera alla cannabis terapeutica nella stessa regione; per i promotori del disegno di legge è una vittoria del buon senso.

Si è giunti ad una svolta importante in Italia sull'uso terapeutico della cannabis. Il Consiglio dei ministri non ha impugnato la legge regionale abruzzese, promulgata lo scorso gennaio 2014, concernente l'uso terapeutico della marijuana, che prevede l'erogazione su ricetta medica dei #Farmaci galenici a base di cannabinoidi.

La legge regionale dell'Abruzzo n. 4 del 04/01/2014 disciplina le "modalità di erogazione dei farmaci e dei preparati galenici magistrali a base di cannabinoidi" per scopi terapeutici.

Pubblicità
Pubblicità

Se conformi al piano terapeutico di uno specialista dette sostanze potranno essere prescritte anche da medici di base.

Il relatore delle proposte di legge è Daniele Farina, capogruppo Sel in Commissione Giustizia, e primo firmatario della proposta di legge di Sel sulla regolamentazione della coltivazione domestica della cannabis presentata lo scorso giugno 2013, di modifica del testo unico delle leggi in materia di stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione della tossicodipendenza.

Daniele Farina, esponente di Sel, ha commentato la notizia positivamente, ed ha voluto far notare che la direttiva negli altri Paesi, è quella di legalizzare il consumo e la vendita, a scopi terapeutici e ricreativi. L'Italia sarebbe in ritardo con questa tendenza globale. La recente sentenza della Consulta sulla legge sugli stupefacenti - ha proseguito Farina - consentirà di approntare una normativa di contrasto reale ai narcotrafficanti e alle organizzazioni criminali.

Pubblicità

L'onorevole Farina ha concluso il suo commento augurandosi che la Camera provveda ad approvare nel più breve tempo possibile la modifica della legge sugli stupefacenti, così da consentire gli usi terapeutici e ricreativi, conferendo la possibilità, a chi è malato, di coltivare la sostanza per uso personale. L'iter legislativo riprenderà la prossima settimana in Commissione Giustizia. #Benessere