Il segretario della Lega nord Matteo Salvini e il professore Claudio Borghi continuano con la loro campagna con il convegno ''Basta euro: come uscire dall'incubo'', portando a termine con determinazione ogni incontro pubblico del tour previsto in varie città.

La prossima tappa sarà Padova, in Veneto, che ospiterà il convegno sabato 22 marzo nella sala conferenze dell' Hotel Crowne Plaza, in via Po 187. Poi seguiranno Buja, in provincia di Udine, e Bergamo.

A questo appuntamento parteciperà anche il professor Alberto Bagnai, autore di un libro di successo intitolato "Il tramonto dell'euro" e che aggiungerà la sua lettura dell'incisione della moneta unica sulla economia italiana a quella del professor Borghi.

Pubblicità
Pubblicità

Matteo Salvini sarà presente anche nella serata del 20 marzo a Verbania dove seguirà la distribuzione del libretto con le 31 domande e le 31 risposte che riguardano la convenienza che avrebbe l'Italia a uscire dall'euro.

Il fronte politico che chiede l'uscita dall'euro si è in parte allargato anche fra gli altri partiti italiani, anche se con posizioni meno decise rispetto a quelle della Lega Nord. Persino Renzi ha tentato una piccola mediazione con la Merkel, pur di evitare che l'ondata di persone che considerano l'euro il primo fra i mali dell'economia della penisola, travolga nelle elezioni europee anche il PD.

Fino a questo momento, infatti, gli incontri pubblici che hanno visto la partecipazione di Matteo Salvini e del professor Claudio Borghi hanno avuto un grande successo.

Pubblicità

Nonostante siano stati previsti saloni molto capienti per ospitare gli spettatori, in quasi tutte le occasioni si è dovuto predisporre anche un sistema di trasmissione all'esterno per permettere a chi non aveva trovato posto in sala di seguire comunque il convegno.

Anche per l'appuntamento di Padova ci si attende lo stesso afflusso di gente. Forse avrà persino più successo di quello di Milano dato che il Veneto è stata una della Regioni più colpite dalla crisi indotta dalla deindustrializzazione e dalla chiusura degli indotti economici seguiti all'introduzione dell'Euro come moneta unica. #Crisi economica #Unione Europea