Dall'inizio della crisi, la politica ha chiesto agli italiani dei grossi sacrifici ,con una serie di leggi finanziarie e di riforme che hanno aumentato la pressione fiscale di 5 punti in quattro anni. Se gli italiani hanno stetto la cinghia, lo stesso non si può dire dei palazzi del potere, come ad esempio la sede del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano cioè il Quirinale.

Stipendio del Presidente

Da quest'anno lo stipendio di Napolitano aumenterà di circa 8.835 euro per arrivare alla modica cifra di 246.000 euro (dato appossimato). Il Presidente può anche usufrire di dotazioni per spese di rappresentanza e viaggi per la modica cifra di un milione 700mila euro.

Spese per il palazzo del Quirinale

Il Quirinale conta all'attivo ben 2181 dipendenti. Di cui la metà sono addetti e l'altra metà invece sono militari dei quali circa 300 sono corazzieri, ovvero il corpo personale di difesa del Presidente.

Inoltre vi sarebbero circa 110 dipendenti in diretta collaborazione con il Capo dello Stato.

Il quirinale costa complessivamente alle casse delgli italiani circa 224 milioni di euro. Tale cifra sembra spopositata rispetto alle sedi istituzionali equivalenti presenti all'estero. Ad esempio: L'Eliseo costa ai francesi poco più di 90 milioni di euro; la Casa Bianca costa agli americani 136 milioni di euro e Buckingham Palace 57 milioni ben 4 volte meno del Quirinale.

Considerazioni

Queste spese potevano essere tollerate dal contribuente italiano, quando questo Paese era tutto sommato ancora un Paese ricco. Ma adesso, in tempi di crisi, la politica deve dare l'esempio anche con interventi che non sono risolutivi per le casse pubbliche ma servirebbero a ridare un minimo di credibilità alla politica e il Presidente della Repubblica deve essere il primo a dare l'esempio. #Presidenza della Repubblica