Renzi visto da Forza Italia. I detrattori dell'accordo tra Renzi e Berlusconi insistono e amplificano la famosa frase che è diventata lo slogan dello storico accordo sulla legge elettorale tra Renzi e Berlusconi: "Profonda sintonia". Ma anche "Renzusconi", "Forza Italicum" e quant'altro.

Renzi e il PD, ma soprattutto Renzi e Forza Italia, o meglio, Renzi e Berlusconi. Un rapporto nato qualche anno fa con la visita dell'allora Sindaco di Firenze ad Arcore. Poi tutti sanno com'è andata ed ora, molti, specie dalle parti di Forza Italia, ma non solo, vedono in Renzi Premier un novello Cavaliere. Del resto lo stesso Berlusconi dixit: "Ha fatto fuori più comunisti lui in poco tempo che io in venti anni".

Pubblicità
Pubblicità

A parte questo, sarà il temperamento da scout, ma Renzi sta "bruciando" le tappe, ed in molte cose, assomiglia al Cavaliere e forse per questo sta l'ammirazione di Berlusconi per l'attuale Premier. Anche l'elettorato di Forza Italia sembra gradire il piglio di Renzi. Vedremo come andrà a finire, ma ancora una volta il fiuto di Berlusconi nello scegliere l'interlocutore Renzi in "campo nemico" non ha fallito. L'ex Sindaco di Firenze ha faticato non poco ad imporsi nel PD ed ancora la questione non è finita. Ma questo è un altro discorso.

Renzi e Forza Italia. Nel senese, versante berlusconiano, come in molte altre parti, il Renzi premier, piace e per una miracoloso alchimia politica si ritrovano insieme a sostenerlo Renziani del Pd, e, appunto, forzisti.

Nazzareno Signoriello, per fare un esempio di quanto detto, del Club Forza Silvio di Siena, ha affermato: "Suscitare continue difficoltà nel cammino per la promulgazione dell'Italicum ha un doppio obiettivo: confinare il Berlusconi ed indebolire Renzi per questioni di potere interno al suo partito.

Pubblicità

Come rappresentante del club forza Silvio Siena - ha continuato - posso dire che ad oggi Renzi sembra essere entrato nell'ottica di tanti italiani in maniera positiva , in giro si sente un aria diversa, per ora c'è solo una cabina di regia, pronta secondo il mio punto vista a stravolgere parte del sistema Italia, quindi un sistema mostro sempre e solo a sfavore dei ceti medio bassi, il primo punto sulla legge elettorale sembra si sia incanalato in verso giusto, ora vediamo se quello che dice verrà messo in atto. Gli italiani hanno bisogno di risposte".

Parole che sembrano dette da un renziano della prima ora, duro e puro, ma che invece, provengono, come detto, da Forza Italia. Probabilmente, anche se ci sono state frequenti smentite, il competitor di Renzi sarà Marina Berlusconi, che può essere la "Renzi" di Forza Italia, ma per ora la situazione è questa, anche se su facebook è già nato il gruppo "Gli angeli di Marina".

E allora è lecito chiedere a Signoriello se, in qualche modo, non sarebbe stato meglio se Renzi fosse stato di Forza Italia e non del PD: "Si sarebbe stato meglio… tanti elettori di Forza Italia sono ammirati da Renzi.

Pubblicità

Per molte cose è vicino al nostro elettorato. Concordo in pieno con la battuta del Presidente Berlusconi sui comunisti. Però sia chiaro - conclude Signoriello - che Berlusconi è una certezza e Renzi un'incognita".

Questa incognita chiamata Renzi, però, continua, almeno dai primi passi, a riscuotere simpatia e consenso tra le file forziste. Anche mediaticamente, Bruno Vespa Dixit, i due s assomigliano. Più che profonda sintonia, verrebbe da dire, profonda alchimia. #Silvio Berlusconi #Matteo Renzi