Eccoci con l'ultimo dei #Sondaggi politici elettorali della settimana a cura dell'istituto Ipr Marketing e divulgato su Canale 5 durante il talk show serale Matrix del 28 febbraio 2014.

Poichè siamo al terzo sondaggio elettorale condotto da IPR in una settimana, vediamo anche le variazioni che ci sono state rispetto agli ultimi 2 passaggi, soprattutto in riferimento ai 3 partiti maggiori, ovvero il Partito Democratico di Renzi, il Movimento 5 Stelle di Grillo e Forza Italia di Berlusconi.

Sondaggi politici elettorali IPR del 28 febbraio 2014

Prima tutti i dati e poi una considerazione finale sulle variazioni avvenute per partiti e coalizioni.

  • #Pd 29,3%
  • #M5S 23,2%
  • FI 22,0%
  • NCD 5,0%
  • LEGA 4,0%
  • SEL 2,5%
  • FdI 2,5%
  • UdC 2,0%
  • SC 1,5%
Partito non voto: indecisi 22,0%, astenuti 25,0%, totale 47,0%.

  • CDX 36,9%
  • CSX 35,0%
  • M5S 23,2%
  • Altri 4,9%

Secondo le ultime intenzioni di voto, il PD al 29,3% rimane stabile rispetto a 3 giorni fa e in lievissima flessione rispetto a metà febbraio (29,5%), ricordiamo che l'apice è stato toccato a metà gennaio quando ha raggiunto il 33,5%, ma circa tre settimane fa era sceso fino al 27,6%.

Forza Italia chiude febbraio al 22,0%, il picco mensile è stato raggiunto giorno 5 con il 24,3%, ricordiamo che circa due mesi fa il dato era appena del 19,0%.

Il M5S è al 23,2% attualmente, ma c'è da dire che poco più di 2 mesi fa era al 20,0%, un balzo era stato compiuto circa 3 settimane fa quando era arrivato al 25,4%. Rispetto ad altri istituti sondaggistici, non viene registrato un forte calo per la questione dei dissidenti poi espulsi.

Poche variazioni per la Lega Nord che è al 4,0% e che a inizio mese era al 3,7%. Il Nuovo Centrodestra partito stimato alla sua nascita (circa 3 mesi fa) all'8,0, oggi viene stimato al 5,0% ma in realtà è stabile da un mese e mezzo. Stesso discorso per Fratelli d'Italia al 2,5%, un trend relativamente piatto sin dal settembre scorso.

Stabile Sel al 2,5% che per vederlo quotato bene, bisogna tornare all'autunno del 2013. L'UdC di Casini al 2,0% è in calo di quasi 1 punto rispetto a circa 20 giorni fa, chiudiamo con Scelta Civica che personalmente abbino alla coalizione del CSX e che ha fatto registrare una massima variazione nell'ordine dello 0,5% da oltre 3 mesi e mezzo fa.

Per quanto concerne le coalizioni, a parte un paio di sbalzi, il Centrodestra di Berlusconi al 36,9% rimane ai livelli di metà gennaio, da segnalare però che a inizio febbraio aveva toccato il 39,6%. 

Il Centrosinistra di Renzi è al 35,0% nonostante io includa anche SC che porta 1 punto e mezzo, rimane abbastanza stabile negli ultimi sondaggi, da segnalare solo che che un mese e mezzo fa era stimato al 38,0%, ma che 24 giorni fa aveva toccato un picco negativo con il 32,3%.

Del Movimento 5 Stelle abbiamo già parlato, ovviamente senza alleanze alcune non potrà mai arrivare ad un evenutale ballottaggio. Altissimo e sconfortante per la politica italiana, il dato del non voto, con il 47% attuale si tocca l'apice, bisogna tornare a 10 mesi fa per un simile riscontro, sfiorato però più volte a febbraio 2014.