Ieri sera, lunedì 3 marzo 2014, durante il TG La7 condotto da Enrico Mentana, sono stati divulgati i #Sondaggi politici elettorali elaborati dall'istituto Emg. Andiamo subito a vedere le intenzioni di voto degli italiani.

Da segnalare il sorpasso della coalizione di Centrosinstra su quella del Centrodestra, mentre ancora in calo il Movimento 5 Stelle, visto che cresce anche il Partito Democratico, sarà ancora l'effetto Renzi?

Sondaggi elettorali Emg-La7 del 3 marzo 2014 - intenzioni di voto ai partiti

Partiamo dal #Pd che compie un balzo in avanti passando dal 29,8% della settimana scorsa all'attuale 30,6%. Sel cresce solo dello 0,1% e arriva al 3,8%.

Pubblicità
Pubblicità

Il Psi è stimato all'1,0%, mentre alla voce Altri di Csx è indicato solo lo 0,6%.

Totale coalizione di Centrosinistra: 36,0%, in aumento dello 0,9%.

Cambiano fronte, quasi stabile Forza Italia in flessione appena dello 0,1% e indicato oggi al 21,9%. Continuano a camminare a braccetto la Lega e il Nuovo Centrodestra, entrambe le forze politiche sono in calo dello 0,1% e sono stimati rispettivamente al 3,7% e al 3,6%.

Nella stessa misura ma con trend positivo si pone il dato di Fratelli d'Italia-An indicato al 2,9%. Scende l'Udc all'1,7% (-0,2%), in lievissima flessione anche la voce Altri di Cdx che si attesta all'1,3%.

Totale coalizione di Centrodestra: 35,1%, in calo di giusto mezzo punto.

Il #M5S perde lo 0,5% e scende al 23,1% ponendosi ancora come secondo partito italiano.

Pubblicità

Chiudiamo con gli altri partiti ritenuti forze politiche non esplicitamente schierate. Scelta Civica stabile all'1,6%, Sale Rifondazione Comunista all'1,1%, lieve flessione per Idv allo 0,6%, idem per i Verdi allo 0,7%, invariato Fare-Fid allo 0,5%, l'insieme di altri piccoli partitini arriva all'1,3%, il tutto per un totale del 5,8%.

Con un tale scenario politico, si andrebbe al ballottaggio secondo la nuova legge elttorale Italicum, il cui esito vedrebbe il CSX di Renzi prevalere sul CDX di Berlusconi, 52,6% contro 47,4%.

Da segnalare che il partito delnon voto composto da astenuti, indecisi e schede nulle/bianche, è stimato al 48,0%. Cresce di 2 punti la fiducia nel Governo Renzi che passa dal 40% al 42%.