Bonus #Irpef 2014, arriva oggi il decreto del #Governo Renzi tanto atteso da molti italiani. “Diamo 80 euro al mese a sei milioni e mezzo di italiani. A due milioni e ottocentomila ne diamo tra i 60 e 80”. Lo ha confermato il premier Matteo Renzi in un’intervista rilasciata al direttore de La Stampa di Torino Mario Calabresi mentre il governo si appresta a varare il decreto Irpef.

Bonus Irpef 2014, Governo Renzi: confermati 80 euro al mese

“Per 15 milioni di persone – ha scritto oggi sul bonus Irpef 2014 il presidente del Consiglio Matteo Renzi su Twitter dopo aver assicurato gli 80 euro al mese - le tasse diminuiscono, gli oneri contributivi scendono, la promessa diventa realtà.

Pubblicità
Pubblicità

A dopo!”. “Non ci sono tagli alla sanità. Non ci sono – ha spiegato Renzi sempre su Twitter parlando del decreto Irpef - tagli agli stipendi degli insegnanti. Non ci sono tagli lineari. Ci vediamo alle 16.30”.

Decreto Irpef 2014 Governo Renzi, parla il ministro Alfano (Ncd)

E a parlare del decreto Irpef che sarà varato oggi dal Governo Renzi è anche il ministro dell’Interno e leader del Nuovo centrodestra Angelino Alfano. “L'obiettivo del Consiglio dei ministri di oggi – ha spiegato il ministro Alfano parlando del bonus Irpef 2014 in una conferenza stampa del Nuovo centrodestra - è tenere insieme competitività ed equità sociale. Vogliamo un Paese – ha aggiunto il leader Ncd - più competitivo e più giusto”.

Decreto Irpef 2014 Governo Renzi, interviene Brunetta (Forza Italia)

Interviene sul decreto Irpef anche il capo gruppo di Forza Italia alla Camera Renato Brunetta: “In attesa della sorpresa pasquale – il bonus Irpef 2014 che il Governo Renzi dovrebbe approvare oggi- è bene ricordare a tutti – ha sottolineato Brunetta - le regole di carattere costituzionale che presidiano il campo della decretazione legislativa”.

Pubblicità

Bonus Irpef 2014: esclusi i pensionati, intervento della Uil

Secondo il leader della Uil Luigi Angeletti le misure contenute nel decreto Irpef sono “la terapia più efficace in questo momento per l’Italia”, ma secondo il sindacalista Uil è un peccato che “sono stati esclusi i pensionati che ne avrebbero avuto maggior diritto perché il loro tenore di vita si è ridotto, e questo - ha detto Luigi Angeletti parlando del bonus Irpef 2014 a Radio anch'io - è ingiusto dal punto di vista sociale e anche negativo per la domanda interna”. Per il segretario confederale della Uil Luigi Angeletti, il Governo Renzi dovrà mettere in atto nei prossimi mesi “buone scelte di politica industriale, rivalutare le pensioni, continuare con una seria riduzione dei cosiddetti costi della politica”. #Detrazioni fiscali