Le elezioni comunali di Bari 2014 sono particolarmente delicate, visto che si voterà per trovare il successore del quasi ex sindaco Michele Emiliano, che nelle graduatorie è sempre risultato ai primi posti per popolarità. Si voterà il 25 maggio per la carica di primo cittadino del capoluogo di regione da 300mila abitanti.

I candidati sindaco delle elezioni comunali di Bari 2014 sono numerosi, tra questi troviamo Antonio Decaro, che ha vinto le primarie del Pd. 44 anni, ingegnere, è già stato assessore di Emiliano ed è al momento deputato alla Camera. Contro di lui il centrodestra schiera Domenico Di Paolo, che si presenta con la sua lista civica Impegno Civile.

Pubblicità
Pubblicità

È sostenuto da Forza Italia, ma per il momento non è ancora stato trovato l'accordo con il Nuovo Centrodestra. Fratelli d'Italia candida invece Filippo Melchiorre.

Il candidato del Movimento 5 Stelle per le elezioni comunali di Bari è Vincenzo Madetti, 53 anni, consulente commerciale, che ha già annunciato che se dovesse vincere si autoridurrà lo stipendio, facendolo scendere a 2.500 euro al mese per sé e 1.500 per i consiglieri. L'Udc candidati Marco Cornaro, ci sono poi Desirèe Digeronimo per una lista civica, Eugenio Lombardi per Bari Città Aperta, Michele Ladisa per il Movimento Duosiciliano, Luigi Paccioni per la lista Convochiamoci per Bari, Lino Pasculli della Cgil per una sua lista.

Come si vota alle elezioni comunali di Bari 2014? È previsto il doppio turno, da votarsi domenica 8 giugno, nel caso al primo turno nessun candidato riesca a conquistare il 50% più uno dei voti.

Pubblicità

Si può votare per la lista (e così si dà il voto anche al candidato sindaco che quella lista appoggia), si può votare per il sindaco (senza quindi dare voti al partito) e si può fare il voto disgiunto, cioè votare per un sindaco e per un partito che non appoggia il sindaco che si è votato. Sono inoltre previste le preferenze. #Elezioni politiche