Gli ultimi sondaggi YouGov del Sunday Times realizzati per le prospettive di voto in vista delle #Elezioni europee 2014, hanno rivelato che Strasburgo sta per essere travolta dallo tsunami dai partiti euroscettici: i dati hanno mostrato che Nigel Farage, il leader dell'UKIP - partito Indipendentista inglese, sta volando oltre il 31% sorpassando i Laburisti di tre punti percentuali e il partito dei conservatori del premier Davide Cameron al 19%.

Secondo l'analisi realizzata da Vote Watch Europe l'avanzata degli euroscettici al nuovo Parlamento Europeo, sempre se i dati dei vari sondaggi e delle proiezioni di voto per le Elezioni Europee 2014 dovessero essere confermati alle urne, conquisterebbero 218 seggi su 751, con un aumento del 25% ossia di 54 seggi, e secondo il "think tank Open Europe", le correnti populisti anti-Ue potrebbero ottenere il 31% e consegnare a Nigel Farage e al leader francese del Front National Marine Le Pen una vittoria storica.

Pubblicità
Pubblicità

Per l'avanzata dei partiti anti-euro all'Europarlamento la leader francese del Front National sta progettando la formazione di un solo vero gruppo euroscettico, al quale dovrebbe allearsi la Lega Nord e l'UK Independence Party di Nigel Farage; tuttavia secondo le proiezioni di Open Europe l'avanzata degli euroscettici potrebbe creare una scissone del nuovo Europarlamento, rafforzando le correnti integraliste pro e anti-euro ed estremizzare gli integralisti favorevoli alla moneta unica, anche se il loro potere continuerà a scendere.

In Italia dopo le scissioni del Partito Democratico e la fuga degli esponenti storici di FI, secondo il sondaggio delle rivelazioni interne del Pd della Velina Rossa alias Pasquale Laurito, un sondaggio segreto che starebbe circolando in queste ultime ore nei corridoi della sede di via Nazareno, i dati starebbero facendo tremare Palazzo Chigi: infatti, rispetto ai sondaggi ufficiali, il M5S sarebbe primo partito con il 27% delle preferenze di voto, il Pd crollato al 26% e FI al 20%, mentre la soglia di sbarramento, ossia il quorum alle europee, sarebbe superato di sicuro da NCD al 7%, Lega Nord al 5%, la lista Tsipras tra il 5 e il 6%.

Pubblicità

#Unione Europea