C'è il nome Berlusconi sul nuovo logo di #Forza Italia che comparirà sulle schede elettorali della consultazione europea del 25 maggio.

Dal momento che l'interdizione dai pubblici uffici, come pena accessoria inflitta nel processo Mediaset, non permette al leader #Silvio Berlusconi di candidarsi, sorge spontanea la domanda: chi c'è, della famiglia, dietro al cognome stampato in azzurro sotto la bandiera di Forza Italia?

Quale Berlusconi scenderà in campo?

Se si tiene conto della contrarietà da sempre manifestata da Piersilvio sulla sua candidatura e dal tergiversare di Marina, anche di fronte alle insistenze del padre, l'ultimo nome possibile è quello di Barbara.

Pubblicità
Pubblicità

Quest'ultima è impegnata nelle attività a maggiore esposizione mediatica del gruppo Mediaset, rivestendo un ruolo manageriale nel Milan, e già in passato si è detta disponibile all'esperienza politica.

Sarebbe la continuazione nel partito del principio dello "svecchiamento" già avviato, con risultati ancora da verificare, nella società rossonera.

La presentazione della nuova sede del Milan è stata l'occasione per tentare di avere una conferma dalla stessa interessata, che ha cortesemente dribblato l'argomento, preferendo dedicare l'incontro con i giornalisti agli argomenti calcistici.

Alle domande su un suo possibile futuro in politica ha dichiarato che "risponderà domani".

Un rinvio che non è una smentita, e che pare dettato dalla necessità di superare le resistenze dei fratellastri Piersilvio e Marina, contrari alla discesa in campo di Barbara.

Pubblicità

Si attende che sia l'intervento di Silvio a regolare lo scontro in famiglia e far sapere chi sarà l'alfiere dello slogan "Più Italia in Europa, meno Europa in Italia", che accompagnerà il simbolo di Forza Italia nella prossima campagna elettorale.

Sarà l'ambizione di Barbara o la prudenza di Piersilvio e Marina e dettare la linea della Berlusconi's dinasty?

Nell'attesa, chi sta già facendo la sua parte è il cane Dudù, elevato a simbolo degli animali abbandonati per toccare le sensibili corde dei 10 milioni di italiani che hanno un animale domestico. #Unione Europea