Siamo nel 1275 a.C. (circa), innanzi alla Battaglia di Kadesh, considerata la prima grande ed antica guerra nella storia dell'umanità della quale è stato possibile ricostruire alcuni eventi che potrebbero ora avere in qualche modo a che fare con una strategia utilizzata tuttora dagli USA, tramite l'Europa e ai danni della Russia, o viceversa, ovvero l'accerchiamento territoriale. In quell'episodio epocale, gli Ittiti erano infatti riusciti ad accerchiare l'esercito di Ramses II, figlio del faraone Seti I e terzo sovrano della XIX dinastia egizia, chiamato anche Ramses il Grande, indebolendo di molto le risorse egiziane di quell'epoca.

Sulla questione di chi abbia vinto la battaglia non è di interesse di questo articolo, ma quello che è invece di principale importanza è come avvenne l'accerchiamento ai danni degli egizi, che a loro volta avrebbero voluto effettuare una manovra avvolgente attraverso le quattro divisioni che erano riuscite dapprima a creare un corridoio territoriale, la "Amon", la "Ra", la "Ptah" e la "Seth".

Pubblicità
Pubblicità

Da quanto si narra nei due soli documenti egizi, gli Ittiti avrebbero violato il codice di guerra che imponeva loro uno scontro su un terreno agevole per entrambe le fazioni. Sembra infatti che gli Ittiti abbiano aggirato la prima divisione, la Amon, a cui c'era a capo proprio Ramses II che si era staccato dalle altre tre divisioni per poi ricongiungersi in un secondo momento, per poi attaccare a sorpresa in massa. Ma la sorpresa la ebbe lui e la divisione Ra fu spazzata via abbastanza facilmente, essendo anche in inferiorità numerica che a quel tempo contava molto.

Il resto della storia al momento non interessa, come non è nemmeno importante l'attività propagandistica del faraone nel dopo-guerra, ma quello a cui si vuole arrivare è come l'attuale Russia abbia espresso preoccupazione per un presunto accerchiamento silente ai suoi danni, dato dal tentativo di entrata in Europa dell'Ucraina.

Pubblicità

Secondo infatti quanto dichiarato dal Presidente USA, Barack Obama, sarebbe questo il vero motivo della conquista militare improvvisa della Crimea, assolutamente irregolare per la maggioranza degli Stati mondiali.

Se dalla storia qualcosa ci viene insegnato, in questo caso sarebbero dunque gli USA ad aver infranto il codice di guerra, sempre che ne esista ancora uno, con un tentativo silente di accerchiamento territoriale, e che la Russia avrebbe agito di conseguenza, solo per difendersi e per difendere i propri cittadini nella oramai ex penisola ucraina?

Ne siamo proprio certi?

Se non altro, molte battaglie dopo, l'Egitto ed il popolo Ittita sancirono una profonda e duratura alleanza che li ha addirittura portati a condividere i propri differenti costumi e culture a favore della pace e della stabilità. Ma guardando più da vicino, purtroppo, quei convulsi e drammatici avvenimenti sui campi di battaglia, al di là dall'esprimere e testimoniare l'eroismo dei condottieri, funsero invero da ideale presupposto per la risoluzione della lotta e l'avvio di "soluzioni diplomatiche" fra i due potenti imperi.

Pubblicità

Nel presente, la battaglia si fa con l'improvvisa chiusura delle risorse, come il gas, e dal blocco delle attività economiche da parte delle grandi potenze, oltre che la presunta guerra informatica iniziata da diversi anni, per poi finire nella guerra energetica o nella guerra, quella vera, nell'attesa di poter arrivare a delle altrettante "soluzioni diplomatiche" che potrebbero dar vita ad una nuova era, esattamente come avvenne tanto tempo fa in una galassia lontana lontana. #Esteri