Il nuovo oggetto della contesa nell'agone politico sarebbe la partecipazione del Presidente del Consiglio alla registrazione della puntata di Amici che andrà in onda il prossimo sabato 3 maggio in prima serata su Canale 5. Il premier avrebbe deciso, d'accordo con la conduttrice Maria De Filippi, di rimandare il suo intervento alla trasmissione, per evitare polemiche sulla par condicio.

Alla base della decisione, secondo altre fonti, vi sarebbe stata, invece, una decisione da parte dei vertici di Mediaset che hanno rilevato, anche loro, un mancato rispetto della legge sulla par condicio. Peccato però che la stessa normativa non sia stata violata da #Silvio Berlusconi, che invece ha partecipato alla trasmissione che va in onda ogni Domenica pomeriggio su Canale 5, Domenica Live.

Pubblicità
Pubblicità

Le giustificazioni più sentite sono state quelle secondo cui, nella trasmissione presentata da Barbara D'urso, gli ospiti politici sono ammessi in quanto si tratta di una trasmissione di tipo giornalistico.

"Ne sono venuto a conoscenza da un giornale", ha detto Silvio Berlusconi. "Si immagini. Non ho rapporti frequenti con Mediaset", ha poi aggiunto il leader di FI per rispondere a chi gli chiedeva circa la decisione presa dai vertici di Mediaset, e poi dal Presidente del Consiglio stesso che ha deciso di non partecipare per evitare ulteriori polemiche. "Prendo atto che si tratta di una cosa non possibile per una disposizione dell'Agicom", ha concluso poi Berlusconi.

Durante la partecipazione a Domenica Live, di domenica 27 aprile, l'ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha parlato prima del suo rapporto con l'attuale fidanzata Francesca Pascale, della sua famiglia, poi, della sua proposta di svuotare i canili, e infine, dei club di Forza Italia che sono nati in tutto il Paese avendo un unico scopo: quello di sostenere la candidatura alle prossime elezioni europee che si terranno il 25 maggio prossimo.

Pubblicità

Nessuna domanda posta dalla presentatrice Barbara D'Urso, ma solo una specie di monologo in cui il fondatore di Forza Italia ha parlato tranquillamente, senza essere quasi interrotto. Barbara D'Urso, in ogni caso, dopo la decisione da parte dei vertici Mediaset, ha invitato ogni politico volesse fare la sua campagna elettorale a partecipare al programma che presenta nel pomeriggio dal lunedì al venerdì, "Pomeriggio Cinque".

Sembrava un caso isolato quello delle polemiche di fronte alle volontà espresse dal Presidente del Consiglio di voler partecipare alla Partita del Cuore, e invece ecco ripresentarsi, a distanza di pochi giorni, la stessa imbarazzante e quasi ridicola situazione.

Daniele Capezzone, fedelissimo di Forza Italia, ha subito dichiarato: "Ci aveva provato ancora Renzi a violare le regole della par condicio. Ma da ieri abbiamo attivato il tam tam ricordando il regolamento numero 138 dell'Autorità delle comunicazioni che al comma 6 dell'art 7 vieta apparizioni di politici a programmi non di informazione in campagna elettorale.

Pubblicità

La sinistra ha voluto una legge assurda come la par condicio ma la vorrebbe applicare solo a Berlusconi. Sono ridicoli". #Matteo Renzi