Elezioni europee 2014, anche i sondaggi elettorali di Ballarò divulgati nella puntata dell'8 aprile, riguardano le intenzioni di voto Ipsos ai partiti riferendosi a questo evento elettorale per cui gli italiani esprimeranno il loro voto in Italia il 25 maggio.

Ma il presidente Ipsos Pagnoncelli, come sempre offre anche altri #Sondaggi politici per testare il sentiment degli italiani sulla situazione politco economica. Nella puntata di ieri sera di Ballarò i quesiti riguardavano l'opinione sulla riforma delle province e su dove si dovrebbe andare a incidere per tagliare la spesa pubblica. Ma cominciamo dalle intenzioni di voto.

Pubblicità
Pubblicità

Sondaggi Elezioni Europee 2014: Ballarò Ipsos 8 aprile

PD - PSE 33,9%

#M5S Peppegrillo.it 22,3%

Forza Italia - Berlusconi 20,5%

Lega Nord 5,8%

NCD - Alfano - UDC - PPE 5,3%

Scelta Europea con Guy Verhofstadt (Scelta Civica - Centro Democratico - Fare per Fermare il Declino) 3,4%

L'Altra Europa con Tsipras 3,1%

Fratelli d'Italia-An - Meloni 3,0%

Altri partiti 2,7%

In conclusione, si cominciano a vedere simboli e alleanze oltre ai classici partiti. Ma curiosità a parte, il primo dato da segnalare è relativo alle forze politiche che superano la soglia di sbarramento del 4%, livello minimo necessario per ottenere i seggi al Parlamento Europeo.

Attualmente oltre ai soliti noti, Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Forza Italia, anche Lega Nord e il Nuovo Centro Destra che però ha avuto bisogno di accorparsi con l'UDC, otterrebbero la loro piccola vittoria per le Elezioni Europee.

Pubblicità

Altri sondaggi politici Ipsos-Ballarò 8 aprile 2014

Gli italiani sono divisi sulla riforma delle province, il 46% crede che sia un atto positivo e tanto atteso. Ma il 43% pensa che sia solo un'azione di facciata che non porterà alcun risparmio.

Interrogati sui tagli della spesa pubblica, ecco le risposte con riferimento ai settori da colpire. Un plebiscito a favore dei tagli del personale della Pubblica Amministrazione, lo vorrebbero il 54%. Il 17% vuole siano effettuati sui militari e le forze dell'ordine, il 10% ai Comuni, il 5% alle Pensioni e solo il 2% alla Sanità.

#Governo