Gli ultimi sondaggi non riservano grossissime sorprese. Il Partito Democratico cresce ancora, ma il Movimento 5 Stelle (#M5S) gli fa sentire il fiato sul collo. La forbice fra i partiti varia di diversi punti secondo i diversi istituti di sondaggio: ScenariPolitici e IPOS rappresentano i due poli di riferimento all'interno dei quali la variabilità risulta massima. Se IPSOS dà un 34,9% al Partito Democratico, Scenari Politici risponde con un 28,6 % per lo stesso partito. Se lo stesso IPSOS dà al M5S, spesso sottostimato nei sondaggi, un 21,6%, ScenariPolitici ribatte il 27,9. Se diamo credito a IPSOS il Pd sarebbe ad un passo dalla fatidica soglia del 37%, che gli permetterebbe con l'Italicum una maggioranza bulgara in parlamento.

Pubblicità
Pubblicità

Beppe Grillo dal canto suo è certo della vittoria, e ha affermato pubblicamente che se avrà un voto in più del Pd andrà dal capo dello stato a reclamare la guida del governo. L'hashtag vinciamonoi è ormai diventato l'emblema di questa campagna elettorale. Vediamo come se la cavano le altre formazioni.

Il partito di Giorgia Meloni e di Crosetto, Fratelli d'Italia oscilla fra un trionfale 7% di ScenatiPolitici e il 4% di EMG, mentre Nuovo Centro destra - UDC si attestano tra il 4,9%(EMG, SWG) e il 6%(Scenari Politici). Sotto la soglia del 4% la Lista Tsipras per IPSOS (3,1%), che invece viene accreditata di un 6% da ScenariPolitici. Anche per la Lega Nord il dato è molto oscillante (3,1% per SWG e 5,5% per Tecné). Non va molto bene per Scelta Europea, aggregazione che raccoglie quello che rimane di Scelta Civica più Centro Democratico e Fermare il Declino (dato che oscilla tra il 3,1 di SWG e il 5,5 % di Tecné).

Pubblicità

L'unico dato su cui un po' tutti gli istituti sembrano trovarsi d'accordo è il tracollo di Forza Italia. Il partito dell'ex cavaliere Silvio Berlusconi, il cui nome comparirà nel simbolo, malgrado l'incandidabilità dell'ex leader a causa di qualche problema con la giustizia per via della ben nota condanna per frode fiscale, si attesterebbe tra il 18% (Ixé e SWG) e il 21,3% (Tecné). #Elezioni europee