Inizia parlando di #Elezioni europee il Presidente del Consiglio di questa grande opportunità che si presenta alle prossime elezioni, che poi coincide anche con il semestre europeo a guida italiana, poi si lascia andare a qualche battuta sui Grillini mettendo in ridicolo le dichiarazioni di alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle, chi crede alle sirene o al microchip sottopelle non può andare in Europa, ha detto. Questo è l'attacco diretto di Renzi, evidentemente la campagna inizia a scaldarsi.

Dopo i Grillini spara a zero, "tocca anche a voi" parlando del taglio dei costi nella TV statale rivolgendosi al conduttore di Ballarò. Nell'intervista Renzi chiede che la Rai partecipi alla spending review, sostenendo che essendo pubblica non può esonerarsi dai tagli che afferma ci saranno.

Pubblicità
Pubblicità

Renzi vuole colpire la parte improduttiva della TV di Stato, come ad esempio le sedi regionali, spesso messe sotto accusa per la scarsa produttività e spesso inutilità delle redazioni, un costo per l'azienda e lo Stato di molti milioni di euro.

Sempre a proposito dei tagli, Renzi ha ribadito che questi ci saranno, con un tono quasi minaccioso nei confronti di Floris, parlando poi di un contributo iniziale di almeno 150 milioni, Floris su questo punto l'ha incalzato chiedendo al Presidente Renzi se questo taglio non favorirebbe la concorrenza Mediaset, Renzi ha risposto evasivamente dicendo che la Rai è di tutti i cittadini e che non sono più tollerabili gli sprechi che ci sono stati in tutti questi anni, non rispondendo al conduttore.

Evitando di rispondere alla precisa domanda di Floris, Renzi ha poi posto l'accento sul fatto che lui, da quando è Presidente del Consiglio, non ha mai fatto visita alla Rai, non ha mai parlato con nessun dirigente né si è occupato dei palinsesti della TV, facendo notare che questa era prassi da manuale della vecchia politica e dei partiti, i quali secondo Renzi devono stare fuori dalla Rai e non deciderne sostanzialmente le sorti su tutto, Renzi su questo punto è stato molto chiaro, tocca anche alla Rai fare sacrifici.

Pubblicità

#Elezioni politiche #Matteo Renzi