Dopo il monito di ieri e l'ennesimo appello per #amnistia e #indulto 2014, nuovo messaggio di #Giorgio Napolitano sull'emergenza carceri in vista dell'imminente scadenza dei termini del 28 maggio 2014 imposti all'Italia dalla Corte europea dei diritti dell'uomo per ristabilire condizioni di legalità, umane e dignitose, nelle sovraffollate carceri italiane.

Amnistia e indulto 2014, nuovo appello di Giorgio Napolitano

"Legalità e umanità della pena - ha detto oggi il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel nuovo messaggio sul sovraffollamento carceri al convegno sui 250 anni della pubblicazione a Livorno "Dei delitti e delle pene" di Cesare Beccaria - sono sanciti dalla Carta Costituzionale che sottolinea la funzione rieducativa del condannato e costituiscono principi irrinunciabili.

Pubblicità
Pubblicità

Tanto più in un contesto come quello attuale, in cui le criticità del sistema giustizia - ha sottolineato il Capo dello Stato che dal 13 ottobre 2013 chiede al Parlamento l'approvazione di leggi di amnistia e indulto 2014 - rischiano di scivolare verso un indegno imbarbarimento, come ci mostra purtroppo - ha concluso Napolitano secondo quanto riporta l'Ansa - l'emergenza carceraria che il nostro Paese si trova a affrontare". Ancora nessuna traccia del testo unificato in materia di indulto e amnistia al Senato.

Amnistia e indulto 2014, il no secco della Lega Nord: 'No svuota carceri'

Resta contraria a ogni ipotesi di amnistia e indulto la Lega Nord di Matteo Salvini. "Galera per anni senza indulti e senza svuota carceri. Ben vengano - ha dichiarato all'Ansa il segretario leghista - le azioni della magistratura, ben vengano le commissioni d'inchiesta e ben vengano gli imprenditori perbene che sono il 99% di quelli che lavorano per Expo 2015", ha aggiunto l'europarlamentare Matteo Salvini rispondendo a una domanda sull'inchiesta di Expo 2015 al termine di un incontro elettorale a Piacenza.

Pubblicità

Indulto e amnistia 2014 'prepotente urgenza' e 'imperativo giuridico', incontro a Bologna

Si svolgerà nel carcere Dozza di Bologna, sabato 17 maggio alle ore 15, il dibattito l'incontro dal titolo "I rimedi straordinari: il tabù di amnistia e indulto" promosso dai radicali nell'ambito del convegno "Una sempre più prepotente urgenza. Un imperativo giuridico, politico, morale". Saranno presenti all'incontro il leader storico dei radicali Marco Pannella e la segretaria dei Radicaliitaliani Rita Bernardini che discuteranno di indulto e amnistia contro la "tortura nelle carceri" con Elisabetta Laganà Garante dei diritti dei detenuti del Comune Bologna, i parlamentari Palmizio, Sarti, De Maria, Paglia e il consigliere regionale Bignami.