Ultime notizie su sovraffollamento carceri, #amnistia e #indulto 2014: nuovi appelli dei radicali per i diritti dei detenuti, mentre il ministro della Giustizia Andrea Orlando annuncia nuove assunzioni nella Polizia Penitenziaria. Intanto si resta in attesa del testo unificato per indulto e amnistia al Senato e il guardasigilli del #Governo Renzi torna a Strasburgo.

Ultime notizie su amnistia e indulto 2014: nuovi appelli, i Radicali in piazza a Catania

Domani sabato 17 maggio a partire dalle ore 10:30 fino alle 12, davanti al carcere di piazza Lanza, a Catania, è previsto un sit-in a sostegno dell'iniziativa Satyagraha radicale contro il sovraffollamento carceri e per amnistia e indulto 2014.

Pubblicità
Pubblicità

Si tratta dell'ennesima iniziativa a tutela dei diritti dei detenuti ai quali non vengono rispettati attualmente, secondo la Corte europea dei diritti dell'uomo, i diritti fondamentali. "La sentenza pilota Torreggiani e altri dell'8 gennaio 2013 ha condannato l'Italia - sottolineano in una nota i radicali di Catania - per trattamenti inumani e degradanti, cioè per violazione dei diritti fondamentali. La Corte di Strasburgo - ricordano i radicali che si battono ormai da tempo per amnistia e indulto - ha dato all'Italia l'ultimatum del 28 maggio 2014 per porre fine a questi reati gravissimi da Stato criminale. La Corte europea dei diritti dell'uomo ha precisato - ricordano i radicali catanesi nella nota di invito alla manifestazione del 17 maggio davanti al carcere di piazza Lanza a Catania - che i trattamenti disumani e degradanti dovevano avere come parametri per essere valutati - spiegano i radicali richiamando il nuovo monito di ieri del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che è tornato a sollecitare leggi di indulto e amnistia - non solo i metri quadrati ma anche e soprattutto la possibilità di curarsi dalle malattie che spesso si contraggono proprio in carcere, l'igiene, l'accesso alla luce e all'aria naturali, il trattamento rieducativo".

Pubblicità

Amnistia e indulto 2014: ministro Orlando vola a Strasburgo, niente testo unificato

E per tra le misure del Governo Renzi per fronteggiare l'emergenza carceri non solo in termini di sovraffollamento, il ministro della Giustizia Andrea Orlando, che il 22 maggio prossimo tornerà a Strasburgo dove incontrerà i vertici del Consiglio d'Europa e della Corte europea dei diritti dell'uomo, ha annunciato ieri nuove assunzioni nel Corpo di Polizia Penitenziaria. Orlando, in occasione del 197° anniversario della Polizia Penitenziaria, ha affermato che le carenze di organico sono una priorità che intende affrontare il Dicastero di via Arenula "anche se purtroppo le condizioni attuali - ha detto il ministro Orlando secondo quanto riporta l'agenzia Adnkronos - non consentono di porvi integrale rimedio, un passo importante sarà l'assunzione nel corso del 2014 di 506 nuove unità". Intanto, nonostante la scadenza dei termini per la presentazione fissati per giovedì 15 maggio, non si ha ancora notizia del testo di legge unificato in materia di amnistia e indulto 2014, atteso in commissione Giustizia al Senato, che dovrebbe essere presentato dai senatori Ciro Falanga e Nadia Ginetti.

Pubblicità