La questione carceri tra i temi discussi nella campagna elettorale per le elezioni Europee 2014 mentre riprende in commissione Giustizia al Senato l'esame congiunto dei quattro ddl per la concessione di #indulto e #amnistia 2014 e il ministro Andrea Orlando annuncia un nuovo vertice a Strasburgo.

Carceri, indulto e amnistia 2014: il no di Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni

"Credo che la gente voterà Fratelli d'Italia - ha dichiarato Giorgia Meloni, contraria a indulto e amnistia - a margine di una manifestazione a Lecce - perché siamo rimasti gli unici a difendere le idee di destra e di centrodestra, come dimostra il fatto che non abbiamo votato i provvedimenti che altri partiti di centrodestra hanno tristemente votato altri partiti di centrodestra, come il decreto svuota carceri, l'abolizione del reato di immigrazione clandestina, la depenalizzazione delle droghe leggere", ha aggiunto la presidente di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale.

Pubblicità
Pubblicità

Indulto e amnistia 2014: il sì di Forza Italia di Silvio Berlusconi

E la questione carceri viene affrontata in campagna elettorale anche Alessandro Cecchi Paone e Franco Bonanini durante la presentazione della loro candidatura con Forza Italia alle elezioni Europee 2014. "Continuerò la mia battaglia per i diritti Lgbt che ho iniziato dieci anni fa candidandomi per la prima volta - ha detto l'ex conduttore televisivo Alessandro Cecchi Paone - e la mia candidatura è appoggiata da Marco Pannella , che mi ha chiesto di essere il portavoce dei Radicali al sud". Marco Pannella, che chiede indulto e amnistia 2014 e che ha in comune con Bonanini, l'interesse per i problemi della giustizia ha dichiarato:"In seguito alla mia vicenda personale mi sono sempre occupato della questione carceri - ha detto l'europarlamentare uscente - io non sono contro la giustizia, ma contro la mala giustizia".

Pubblicità

All'incontro erano presenti i deputati di Forza Italia, il movimento politico di #Silvio Berlusconi favorevole a indulto e amnistia 2014, Mara Carfagna e Renato Brunetta, ma anche il senatore Lucio Barani, del nuovo Psi, uno degli autori dei quattro disegni di legge per la concessione di amnistia e indulto 2014 in discussione in commissione Giustizia al Senato della Repubblica.