Magistratura in grande fermento e politica che non riesce a dedicarsi alla campagna elettorale per le europee a pieno regime. Un momento delicato e pericoloso per le istituzioni in Italia, le inchieste si susseguono e con esse gli arresti richiesti dai magistrati.

Il caso Genovese

Il caso Genovese, il deputato #Pd, di cui è stato richiesto l'arresto dal sostituto procuratore della procura di Messina, Sebastiano Ardita, con le accuse di truffa, peculato e associazione a delinquere. Il tutto all'interno di un inchiesta condotta su enti pubblici, in seguito ricondotti alla sua persona, che avrebbero sottratto ai fondi pubblici ben sei milioni di euro.

Pubblicità
Pubblicità

Le indagini hanno portato anche all'arresto della moglie di Genovese, e della cognata.

Arriva il sì all'arresto del deputato

Oggi è stato, così, posto ai voti, in modo palese, alla Camera l'arresto del deputato del Partito democratico. La Camera ha risposto di sì quasi all'unanimità sono stati, infatti, trecentosettantuno i deputati favorevoli e soli trentatré quelli contrari alla misura cautelare, presentata dalla Giunta per le autorizzazioni di Montecitorio. Renzi annuncia che il voto si trova in calendario a 'Repubblica' "Il Pd chiede di votare l'arresto di Genovese - continua il premier - palesemente" così è stato solo mezz'ora dopo. Ora l'ormai ex deputato Pd, dopo il voto conclusosi alle 16,30 odierne, si costituirà a Messina.

Le polemiche dei Cinque Stelle

La polemica promossa dai Cinque Stelle a favore dell'arresto del deputato non si è placata neanche alla Camera, riaccendendosi non appena i deputati hanno votato a favore della sospensione momentanea della seduta odierna.

Pubblicità

Grillo non perde tempo e twitta subito "Il Pd vuole sospendere l'aula - prosegue - così da rimandare l'arresto di Genovese! #fuorigenovese - e conclude twittando - O noi o loro!". A lavori terminati Grillo, ancora per mezzo di Twitter dice la sua assegnando al Movimento il merito di aver "costretto il Pd a votare oggi". #Governo