Domenica 25 maggio dalle ore 07.00 alle ore 23.00 oltre 49 milioni di italiani saranno chiamati alle urno per eleggere i 73 rappresentanti al Parlamento di Strasburgo. Il sistema di voto è quello proporzionale con uno sbarramento al 4 per cento. I partiti che non riusciranno a raggiungere questa soglia non avranno rappresentanti nel Parlamento Europeo. Per votare l'elettore dovrà aver compiuto 18 anni. Ricordiamo che in molti comuni si dovrà votare sia per le elezioni regionali sia per quelle comunali.

Ci si deve recare alle urne della sezione specificata sul certificato elettorale con lo stesso certificato e un documento di riconoscimento.

Pubblicità
Pubblicità

Chi non ha le tessera elettorale oppure non ci sono più spazi a disposizione dovrà recarsi presso gli uffici comunali per la sostituzione oppure per il ritiro del certificato. Gli uffici comunali, nella giornata di domenica, saranno aperti dalle ore 07.00 alle ore 23.00.

Ora andiamo a vedere come sarà stutturata l'assegnazione dei seggi in Italia. Sul nostro territorio sono presenti 5 circoscrizioni: Nord occidentale (con Piemonte, Liguria, Valle D'Aosta, Lombardia) con 20 seggi, Nord orientale (con Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna) con 14 seggi, Centrale (Lazio, Umbria, Marche e Toscana) con 14 seggi, Meridionale ( con Campania, Molise, Puglia, Abruzzo, Basilicata, Calabria) con 17 seggi, Isole (con Sicilia e Sardegna) con 8 seggi. I seggj sono ripartiti proporzionalmente in funzione del numero di elettori.

Pubblicità

Le schede che verranno consegnate ai seggi saranno di diverso colore in base alle circoscrizioni: grigia per la circoscrizione Nord occidentale, marrone per la circoscrizione Nord orientale, rosso per la circoscrizione Centrale, arancione per la circoscrizione Meridionale ed infine rosa per la circoscrizione Isole.

Per votare bisognerà tracciare una ics sul simbolo del partito che rappresenta la nostra scelta. Si possono esprimere fino ad un massimo di tre preferenze ai candidati che sono inseriti nella lista del partito votato. Infatti non ci sarà la possibilità del voto disgiunto. A fianco al simbolo scelto si potranno scrivere le preferenze con cognome e nome. In caso di oomonimia si dovrà aggiungere la data di nascita del candidato scelto. Se si dovesse scegliere di dare 3 preferenze non è possibile scegliere candidati dello stesso sesso altrimenti la terza scelta sarà annullata. Nel caso di rappresentanti di liste delle minoranze linguistiche si potrà esprimere solamente una preferenza.

Per qualsiasi altra informazione si può visitare il sito del Ministero dell'Interno dove si può trovare uno speciale dedicato alle #Elezioni europee e amministrative.